Rapporto cambiamento climatico: abbiamo tempo solo fino al 2040 prima di fermare la catastrofe

Dobbiamo cambiare le cose prima che accada una catastrofe. E' quel che è emerso nel rapporto steso dagli scienziati in Corea del Sud.

47

Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC), l’organismo delle Nazioni Unite incaricato di valutare la scienza dei cambiamenti climatici, ha steso un rapporto sull’impatto del riscaldamento globale di 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali.

In breve, uno dei principali obiettivi climatici del mondo – mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2 ° C – non è abbastanza e potrebbe ancora portare a danni catastrofici e irreversibili ai nostri ecosistemi. Per evitare un simile destino, abbiamo bisogno di cambiamenti rapidi, immediati e “senza precedenti” nei settori dell’energia, dell’uso del territorio, delle infrastrutture e dello stile di vita

Durante la scorsa settimana, gruppi di scienziati e diplomatici hanno perfezionato il contenuto del rapporto a Incheon, in Corea del Sud. Esaminando oltre 6.000 studi scientifici effettuati, gli esperti hanno tentato di fornire una visione chiara della posta in gioco se i cambiamenti climatici non vengono affrontati e cosa possiamo fare per stabilizzare un aumento di temperatura di 1,5 ° .

“Questo rapporto dell’IPCC è impostato per delineare un piano di salvataggio per l’umanità”, – ha dichiarato Jennifer Morgan, direttore esecutivo di Greenpeace International, intervenendo giovedì in una conferenza stampa in Corea del Sud.

Il rapporto , descrive un mondo che sta peggiorando le scarsità di cibo e gli incendi boschivi, e un massiccio declino delle barriere coralline entro il 2040, periodo limits per la vita di gran parte della popolazione globale.

Il rapporto “è piuttosto scioccante e piuttosto preoccupante”, ha detto Bill Hare, autore di precedenti rapporti dell’IPCC e fisico di Climate Analytics, un’organizzazione senza scopo di lucro. “Non eravamo a conoscenza di questa situazione fino a pochi anni fa”. Il rapporto è stato il primo ad essere commissionato dai leader mondiali nell’ambito dell’accordo di Parigi,  patto del 2015 delle nazioni per combattere il riscaldamento globale .

Gli autori hanno scoperto che se le emissioni di gas serra continuano al ritmo attuale, l’atmosfera si scalderà di ben 2,7 gradi Fahrenheit (1,5 gradi Celsius) sopra i livelli preindustriali entro il 2040, inondando le coste e intensificando la siccità e la povertà. Il lavoro precedente si era concentrato sulla stima del danno se le temperature medie dovessero aumentare di un numero maggiore, ai 3,6 gradi Fahrenheit (2 gradi Celsius), perché quella era la soglia che gli scienziati avevano precedentemente considerato per gli effetti più gravi dei cambiamenti climatici.

LASCIA UN COMMENTO