Il fondatore di Amazon Jaff Bezos, impegna 10 milioni di dollari per contrastare il cambiamento climatico

Il fondatore di Amazon Jeff Bezos, ha impegnato 10 milioni di dollari per fondare il Bezos Earth Fund. Concederà sovvenzioni a scienziati e attivisti impegnati a contrastare il cambiamento climatico.

Jeff Bezos, fondatore di Amazon e proprietario del Washington Post, lunedì ha annunciato lunedì che donerà 10 miliardi di dollari per salvare la terra dal cambiamento climatico. L’iniziativa è arrivata appena un mese dopo che è trapelata la notizia sul fatto che Amazon ha minacciato di licenziare i dipendenti che hanno incolpato l’azienda come parte responsabile della crisi climatica.

Il nuovo fondo denominato Bezos Earth Fund, inizierà a distribuire il denaro quest’estate, ha annunciato il multi-miliardario ai suoi 1,4 milioni di follower con un post su Instagram.

View this post on Instagram

Today, I’m thrilled to announce I am launching the Bezos Earth Fund.⁣⁣⁣ ⁣⁣⁣ Climate change is the biggest threat to our planet. I want to work alongside others both to amplify known ways and to explore new ways of fighting the devastating impact of climate change on this planet we all share. This global initiative will fund scientists, activists, NGOs — any effort that offers a real possibility to help preserve and protect the natural world. We can save Earth. It’s going to take collective action from big companies, small companies, nation states, global organizations, and individuals. ⁣⁣⁣ ⁣⁣⁣ I’m committing $10 billion to start and will begin issuing grants this summer. Earth is the one thing we all have in common — let’s protect it, together.⁣⁣⁣ ⁣⁣⁣ – Jeff

A post shared by Jeff Bezos (@jeffbezos) on

“Voglio lavorare insieme ad altri sia per dare spazio ai metodi già conosciuti sia per esplorare nuovi modi di combattere l’impatto devastante dei cambiamenti climatici su questo pianeta”, – ha detto Bezos nel post.

“Questa iniziativa globale finanzierà scienziati, attivisti e ONG – ogni sforzo che offra una reale possibilità di aiutare a preservare e proteggere il mondo naturale. Possiamo salvare la Terra. Ci vorrà uno sforzo collettivo da parte di grandi aziende, piccole aziende, stati nazionali, organizzazioni globali e singoli individui ” – ha precisato il fondatore di Amazon-.

La notizia del nuovo fondo, sebbene inaspettata, arriva mentre Amazon cerca di rispondere alle critiche sul fatto che il suo commercio elettronico e le spedizioni marittime alimentano le emissioni globali di carbonio. Più di 340 dipendenti Amazon hanno rischiato di perdere il posto di lavoro all’inizio di quest’anno dopo aver firmato una petizione pubblicata dal gruppo di difesa Amazon Employees for Climate Justice. I lavoratori chiedevano un’azione più incisiva sul clima da parte dell’azienda. 

Il gruppo dei dipendenti di Amazon uniti per la giustizia climatica, hanno detto che pur supportano l’iniziativa di Bezos, sono ancora preoccupati per il supporto dell’azienda all’industria petrolifera e del gas. “Apprezziamo la filantropia di Jeff Bezos, ma una mano non può dare ciò che l’altra sta portando via”, – ha affermato il gruppo in una nota. 

Tuttavia la società si sta mettendo nella buona strada e negli ultimi mesi ha lanciato iniziative progettate per contribuire a contenere il suo impatto ambientale. L’anno scorso, Bezos ha preso decisioni serie per affrontare i cambiamenti climatici e ha impegnato i venditori a onorare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi con 10 anni di anticipo, nonostante il ritiro del Presidente Donald Trump dal precedente accordo sul clima all’inizio del suo mandato.

Amazon ha inoltre dichiarato a settembre che avrebbe acquistato una partita di furgoni elettrici per iniziare a consegnare i pacchi ai clienti con 10.000 nuovi mezzi che saliranno 100.000 entro il 2030. 

Bezos ha aggiunto che al momento, i venditori di qualsiasi cosa, dai libri di testo ai tosaerba, riporteranno regolarmente le proprie metriche sulle emissioni e introdurrà strategie di decarbonizzazione. Amazon prevede che l′80% del suo consumo di energia provenga da fonti energetiche rinnovabili entro il 2024.

LASCIA UN COMMENTO