Home Animali Pecore e agnelli picchiati, mozzati e bruciati: così nasce e si...

Pecore e agnelli picchiati, mozzati e bruciati: così nasce e si vende la lana in Australia

Pecore e agnelli tagliati e bruciati: è la nuova investigazione shock di PETA Asia sul commercio della lana.

26887

Cos’altro hai bisogno di vedere prima di smettere di indossare la lana? Quanti altri agnelli devono essere mutilati, tagliati, picchiati, presi a calci, gettati via e scorticati vivi? E quel che si chiede PETA Asia dopo aver documentato la sofferenza che si cela dietro al commercio della lana. 

PETA Asia e le sue affiliate internazionali hanno mostrato la crudeltà che viene inflitta alle pecore usate per la lana in Australia tra gli anni  2013 al 2018. Abbiamo svelato gli abusi che si compiono in Wyoming, Colorado e Nebraska e nell’Utah. “Abbiamo rivelato anche  la sofferenza inflitta alle pecore in Argentina e in Cile,” – ha affermato l’associazione. PETA Asia ha documentato la stessa crudeltà anche nel Regno Unito nel 2018. In quattro anni, la tortura sistemica dell’industria delle lane a livello mondiale, è stata scoperta in dozzine di fattorie e in quattro continenti .
Dopo essere stati smascherati sarebbe facile pensare che gli operai dell’industria della lana si sarebbero comportati meglio cercando di non fare del male alle pecore. Ma non è è così.
Nel 2018, un testimone oculare che ha lavorato in un allevamento di pecore a Victoria, in Australia, il principale esportatore di lana del mondo, ha visto il direttore della fattoria e gli operai che mutilavano agnelli terrorizzati nella linea di assemblaggio, mostrando ancora una volta che non esiste nulla di umano nella produzione della lana.
Un altro testimone che ha lavorato per un appaltatore di tosature di pecore nel New sud del Galles, in Australia, ha scoperto che i lavoratori colpivano le povere e innocenti pecore già provate per lo spavento, con le affilate pinze metalliche.
PETA invita le persone ad informarsi su quanto accade alle  pecore torturate per i maglioni e le coperte di lana. Le pecore sono individui docili che, come tutti gli animali, provano dolore, paura e solitudine. Ma poiché esiste un mercato per il loro vello e le loro pelli, vengono trattate nient’altro che come macchine produttrici di lana.
Tra i tanti maltrattamenti, i lavoratori usano mettere anelli stretti intorno allo scroto degli agnelli – il che è estremamente doloroso – e senza anestetici, in modo che i testicoli possano accartocciarsi e cadere qualche settimana dopo. Quando i testicoli non cadono abbastanza presto, i tosatori li tagliano via con le forbici. Trattamento questo, che avviene sistematicamente anche in Italia, senza pensare a quanto sia doloroso per l’animale, ma essendo il metodo a costo zero, per chi ha un gregge, la pessima abitudine purtroppo è per tutti consolidata.
I testimoni hanno visto che anche senza l’uso di anestetici, gli operai hanno praticato dei buchi nelle orecchie degli agnelli e hanno tagliato e poi bruciato le loro code con un coltello caldo, facendoli urlare e agonizzare  mentre le fiamme salivano sulla loro carne .

Secondo un ex veterinario del governo vittoriano, “tagliare le code è una procedura estremamente dolorosa: le pecore sentono un dolore pazzesco che corre sul midollo spinale”. Queste strazianti mutilazioni, sono  una procedura standard in tutta l’industria globale della lana. A causa del maltrattamento, molti agnelli muoiono ancor prima delle 8 settimane di vita. I lavoratori hanno anche tagliato pezzi di carne dai quarti posteriori degli agnelli con le cesoie in un tentativo grossolano, noto come metodo “mulesing”, che induce per difesa degli animali, a produrre quantità eccessive di lana. 
Quando PETA ha esposto per la prima volta questa macabra procedura, ha suscitato indignazione internazionale. Il mulesing è stato vietato in Nuova Zelanda e i funzionari australiani dell’industria della lana hanno promesso di eliminarlo entro il 2010 ma otto anni dopo, la maggior parte degli agnelli in Australia sono ancora sottoposti a questo tormento .

Tutte queste agonizzanti procedure avvengono in piena vista delle madri degli agnelli, che chiamano disperatamente i loro piccoli e cercano di avvicinarsi il più possibile a loro. Le pecore giudicate non adatte alla produzione di lana, vengono sgozzate davanti ai loro piccoli. 

Attenzione al video, contiene immagini forti:

Persino quelle pecore che sopravvivono dopo anni di tosature ripetute e stressanti, affrontano un destino terribile. Ogni anno, milioni di pecore australiane indesiderate, vengono imbarcate su navi da carico multi piani estremamente affollate e inviate in un terrificante viaggio verso il Medio Oriente o il Nord Africa, dove le loro gole vengono tagliate, spesso mentre sono ancora coscienti.
Nel Nuovo Galles del Sud, un testimone oculare ha scoperto che i tosatori colpivano ripetutamente le pecore naturalmente timide con le cesoie metalliche affilate nello stomaco e con il ginocchio piegato.

Attenzione al video, contiene immagini forti

Pagati in termini di quantità, i tosatori lavoravano a velocità vertiginosa e tagliano le pecore, ricucendo le loro ferite su un piano sudicio e non atto ad alleviare dal dolore .

Guarda nella tua cassettiera e nel’armadio. Stai ancora indossando la lana? Se è così, per favore fermati. Tocca a te porre fine alla sofferenza di questi animali docili rifiutando di comprare qualsiasi cosa fatta di lana. Non importa da dove provenga o quali assicurazioni le aziende ti diano, la lana è prodotto dilagante della crudeltà verso gli ovini. PETA ha invitato gli utenti a sottoscrivere una lettera tipo da compilare in tutte le sue parti per dire stop alle torture di pecore e agnelli.

LASCIA UN COMMENTO