Ristorante bresciano cucina allo spiedo uccelli protetti: sospesa la licenza

Il Questore ha disposto la sospensione della licenza per trenta giorni.

1861
Exif_JPEG_PICTURE

Brescia – Cucinavano allo spiedo uccellini protetti. Per questo motivo i titolari della trattoria Bivio di Odolo si sono visti sospendere la licenza per trenta giorni.

L’irregolarità è stata scoperta con un blitz dai carabinieri forestali di Vobarno. Dopo l’episodio, è arrivata la decisione della Questura che ha imposto la chiusura dell’attività e la sospensione della licenza per un mese. All’interno della cucina, sono stati trovati degli spiedi con infilzati tantissimi uccelli protetti pronti per essere cucinati.

Nessuna dichiarazione da parte dei ristoratori nemmeno su Facebook ma dato che c’è la possibilità di rilasciare una recensione positiva o negativa vi invitiamo a cliccare su NO. Queste persone per quel che ci riguarda, meriterebbero la chiusura definitiva dell’attività perché disposti ad incentivare il bracconaggio di specie protette pur di guadagnare. 

LASCIA UN COMMENTO