Sequestrato il principale macello equino della Lombardia per vendita di carne illegale

Sigilli al macello di Riccato Corrado Bruno a Busto Arsizio, vendeva carne di cui non si conosceva la provenienza.

529

Busto Arsizio – Chiuso e sequestrato il grande macello che vendeva carne equina di dubbia provenienza e che non poteva essere destinata al mercato alimentare. I militari del gruppo Forestale dei carabinieri di Varese sono intervenuti questa mattina al noto macello di cavalli Riccato Corrado Bruno. L’azienda è composta da allevamento, impianto di macellazione e da un laboratorio per il sezionamento e la trasformazione della carne e da un punto vendita.

I carabinieri hanno messo i sigilli all’attività su ordine della Procura della Repubblica del tribunale di Busto Arsizio. Il macello sequestrato è uno dei più grandi della Lombardia. Basti pensare che nel 2017 sono stati abbattuti e macellati 424 cavalli, mentre nei primi 7 mesi di quest’anno, i capi macellati sono 215.

Il sequestro è stato fatto dall’Aliquota reati contro l’ambiente e la salute della Procura, congiuntamente con i carabinieri Forestali e i veterinari dell’Ats Insubria. Il macello era già noto: nel corso degli anni il titolare dell’azienda aveva commesso numerose violazioni alla normativa vigente in tema di igiene ambientale e stato di salute degli animali. Sono state poi riscontrate anche irregolarità nella tenuta dei registri di stalla e non tutta la carne messa in vendita era tracciata. Irregolarità che si sono verificate anche qualche settimana fa. L’indagine, infatti, ha appurato che l’indagato aveva abbattuto e macellato cavalli che non potevano essere né uccisi, né destinati al consumo umano. Questo perché non si conosceva la provenienza dei capi. I quali non erano nemmeno stati sottoposti alla visita del medico veterinario dell’Ats. Prima della macellazione tale visita è obbligatoria al fine di verificare la salute degli animali e quindi la loro idoneità al consumo.

I militari hanno anche costato che i cavalli destinati alla macellazione erano privi del marchio auricolare che consente di verificare provenienza e tranciabilità degli stessi. Inoltre gli animali erano anche accompagnati da documenti di trasporto e certificazioni di provenienza falsi.

Alla luce di tutto quanto riscontrato il giudice ha ordinato il sequestro dell’intera azienda e di tutta la filiera operativa al fine di evitare che i reati venissero reiterati. Al titolare dell’azienda sono stati contestati i reati di uccisione degli animali, detenzione per il commercio di sostanze alimentari nocive e forse dell’esercizio del commercio. Non è la prima volta che il grosso macello finisce nel mirino della giustizia. Già nel 2012, infatti, l’indagato era stato denunciato per fatti analoghi. Solo un mese fa, gli organi sanitari e i carabinieri avevano riscontrato la presenza in azienda di animali di dubbia provenienza, tanto da imporre la sospensione e l’autorizzazione amministrativa dell’attività di macellazione.

Intanto al macello di viale Toscana sono ancora in corso le indagini per accertare responsabilità di altri eventuali soggetti che potrebbero aver concorso alla falsificazione della documentazione.

LASCIA UN COMMENTO