Oltre 11 mila irregolarità nel 2017 compresi farmaci irregolari negli animali di allevamento

Illegalità e farmaci non autorizzati negli animali di allevamento: sono numerosi gli illeciti commessi dalle aziende.

53
Hand holds syringe and chicken in background. Antibiotics, vaccination and testing on animals concept.

Rischi chimici, fisici, microbiologici, biologici e allergeni: è quanto emerge dalla relazione annuale 2017 del ministero della Salute al Piano nazionale integrato (PNI) 2015-2018 sui controlli ufficiali svolti nella filiera agroalimentare.
Sono state 1.044 le irregolarità riscontrate sugli alimenti, bevande e materiali a contatto con alimenti nel 2017, scoperte attraverso la verifica di 47.804 campioni su cui sono state effettuate 118.550 analisi. Il ministero della Salute in collaborazione con il Nucleo anti sofisticazione del Comando Carabinieri per la tutela della salute (NAS) ha eseguito 50.201 controlli, di cui 30.311 nei settori d’interesse del Piano Nazionale Integrato.
Le verifiche hanno permesso di scoprire complessivamente 11.470 irregolarità, con 9.465 segnalazioni di operatori del settore all’Autorità amministrativa, 1.333 all’Autorità giudiziaria, nonché all’arresto di 16 persone. 

Tra i maggiori aspetti critici riscontrati lo scorso anno c’è stato l’uso di principi attivi ad azione farmacologica non autorizzati (per esempio, il Fipronil, acaricida utilizzato illegalmente e che provocato problemi nelle uova provenienti da alcuni allevamenti) e il non corretto utilizzo di farmaci veterinari. Riscontrati anche alcuni pericoli emergenti tra i contaminanti organici, come le sostanze perfluoroalchiliche (PFAS);

Micotossine e metalli pesanti continuano a rappresentare una problema di difficile soluzione tra i contaminanti; la non conformità a criteri microbiologici di sicurezza alimentare per presenza di Escherichia coli inclusi gli STEC, Salmonella spp e Listeria monocytogenes; e infine la presenza di allergeni non dichiarati negli alimenti, soprattutto soia e uova. (ANSA)
   

LASCIA UN COMMENTO