Nuovo segno del cambiamento climatico, gli orsi polari hanno invaso i villaggi abitati: probabili soppressioni

Le autorità regionali di Arkhangelsk nel nord della Russia, sabato hanno deciso di introdurre lo stato di emergenza per l'insediamento sull'isola meridionale di Novaya Zemlya degli orsi polari.

466

Russia – Da dicembre i militari pattugliano e sorvegliano le strade per garantire la sicurezza, ma senza l’effetto desiderato. Gli orsi polari non reagiscono più al rumore e ai segnali luminosi lanciati delle guardie in pattuglia di conseguenza, è stato dichiarato lo stato di emergenza ed è stata creata una task force per valutare la situazione a Novaya Zemlya.

Belushaya Guba è il principale insediamento dell’Arcipelago Artico, in gran parte dimora del personale militare e delle loro famiglie. La base aerea militare di Rogachevo si trova a pochi chilometri fuori dalla città. Ci sono circa 560 persone che vivono nell’insediamento, compresi i bambini che frequentano la scuola. 

“Da dicembre 2018 a febbraio 2019 un grande gruppo di orsi polari è rimasto intorno all’insediamento. Ci sono 52 orsi polari all’interno del territorio del villaggio”, – ha affermato il vice capo dell’amministrazione municipale di Belushaya Guba, Aleksandr Minaev, in una dichiarazione pubblica. Minaev dice che alcuni degli orsi sono aggressivi e sono entrati negli edifici residenziali e negli uffici.

“Le persone hanno paura, hanno paura di lasciare le loro case. Le loro attività quotidiane sono sconvolte, i genitori hanno paura di lasciare che i bambini vadano a scuola”, – spiega Aleksandr Minaev.

Finora, il Servizio federale russo per la supervisione delle risorse naturali si è rifiutato di permettere di sparare agli orsi polari più aggressivi che hanno attaccato le persone. Gli orsi polari sono nella Lista rossa e sono stati protetti nell’Artico russo dal 1956.

Cambiamenti climatici 

L’Artico è in transizione, verso un futuro più caldo con meno ghiaccio, con implicazioni forse di vasta portata per il re dell’Artico – l’orso polare.

Negli ultimi anni, gli orsi polari si sono avvicinati più spesso alle città costiere della Russia settentrionale, sia sulla terraferma che sugli arcipelaghi. A causa del restringimento del ghiaccio marino, gli orsi sono spesso bloccati sulla riva. Sia perché il ghiaccio marino si ritira dalla riva molto prima in estate che in passato, o perchè come su Novaya Zemlya, il mare semplicemente non si congela più durante l’inverno.

La mappa del ghiaccio fornita dalla zona dall’Istituto del Servizio Meteorologico Norvegese di venerdì mostra come il Mare di Kara al largo della costa orientale di Novaya Zemlya, sia pieno di ghiacci molto vicini, mentre ci sono per lo più ghiacci molto aperti e acqua aperta lungo l’ovest costa dove si trova Belushaya Guba.

Gli esperti ora diretti a Belushaya Guba sperano di trovare modi per spaventare gli orsi dall’insediamento. Tuttavia, secondo le autorità dell’argangelo,  è probabile che la scelta risolutiva sia tristemente quella di sparare agli animali come scelta risolutiva. 

Zhigansha Musin è a capo dell’amministrazione municipale di Novaya Zemlya. È in città dal 1983 e afferma di non aver mai visto un’invasione così massiccia di orsi polari.

“Gli animali stanno letteralmente inseguendo le persone e stanno persino entrando negli ingressi degli edifici residenziali”, – racconta Musin. Un avvertimento pubblicato sul portale del comune informa gli abitanti su come comportarsi per evitare di essere attaccati gli orsi polari. 

Stare lontano dagli orsi è la regola numero 1. Tuttavia, se l’orso attacca e non puoi scappare, l’avvertimento ti dice come ridurre il rischio di morte o lesioni gravi: “Sdraiati, premi la testa contro le ginocchia, coprila con le mani e non muoverti. ”

Lo stato di emergenza è introdotto senza limiti di tempo; durerà fino a quando non sarà garantita la sicurezza della popolazione locale.

LASCIA UN COMMENTO