Sei anni di prigione al trafficante colombiano che impiantava la droga nello stomaco dei cuccioli

Mai prima d'ora negli Stati Uniti c'è stato un processo tanto travolgente quanto quello del veterinario Andrés López Elorez , che si è presentato alla corte federale di Brooklyn. 

1006
Andrés López

New York – Andrés Lopez Elorez, che è stato estradato dalla Spagna in aprile, ha impiantato palloncini con eroina liquida nel ventre di cuccioli che ha allevato a Medellín. Molti di loro sono morti. Questo giovedì, Elorez è stato condannato a 72 mesi di carcere per il suo crimine. 

“Elorez è responsabile di un atto atroce”, – ha detto l’accusa prima che il giudice emettesse una sentenza, –“ha usato il suo addestramento come veterinario per danneggiare e introdurre droghe destinate ad essere portate negli Stati Uniti, all’interno del corpo di alcuni cuccioli”.

Il crimine è stato commesso tra settembre 2004 e gennaio 2005, quando viveva in Colombia. Un giorno la polizia colombiana ha fatto irruzione nella sua clinica a Medellin, dove le autorità hanno trovato dieci cani, tre dei quali con la droga nel corpo. Dopo quel blitz il veterinario era riuscito a fuggire in Spagna, dove è stato arrestato nel 2015. 

Davanti al giudice, dopo la testimonianza di altri nove imputati, lo stesso Lopez Elorez ha preso la parola per scusarsi ed esprimere il suo rammarico. Ha detto che quando si è laureato come veterinario, “ha aperto una porta che non avrebbe dovuto attraversare”. Poi ha lasciato la Colombia per la Spagna, ha detto, per “essere qualcun altro” e creare una nuova famiglia.

Il veterinario colombiano ha già scontato circa tre anni di carcere in Spagna, che saranno sottratti dalla pena stabilita. “È stato un incidente nella mia vita”, -ha insistito, e in seguito ha chiesto pietà, assicurando che ha imparato la lezione durante il periodo in cui era già in prigione. “Non sono lo stesso di 15 anni fa”, – ha concluso, mentre il suo avvocato ha cercato di dimostrare che durante la sua vita in Spagna è stato integrato nella sua comunità.

L’accusa è stata forte dinanzi al magistrato. In primo luogo, ha spiegato che López Elorez è stato “debitamente istruito” per eseguire questo tipo di intervento sugli animali, anche se ha detto che era uno studente. In secondo luogo, ha messo la sua fattoria a disposizione dei narcotrafficanti. “Ha svolto un ruolo attivo nella trama criminale”, -ha detto il rappresentante dell’accusa che ha chiesto per lui da un minimo di dieci anni all’ergastolo.

Il trafficante di droga, che ha anche la nazionalità venezuelana, si è dichiarato colpevole di cospirazione per aver portato la droga negli Stati Uniti. Quando i cuccioli arrivarono a Miami e a New York, subirono un altro intervento per recuperare la droga. Le autorità colombiane hanno sequestrato 17 sacchi di eroina liquida nella fattoria che prendeva il suo nome. Tre erano nel ventre di alcuni cuccioli.

Lopez Elorez ora dovrà affrontare la sua condanna.  La difesa sta cercando di riportarlo in Spagna con la sua famiglia. L’altra alternativa è mandarlo in Colombia, ma il suo avvocato ha avvertito che la sua vita lì sarebbe in pericolo.

LASCIA UN COMMENTO