L’Islanda è pronta ad uccidere più di 2.000 balene entro il 2023, un massacro che distruggerà gli oceani

La decisione non è al passo con la comunità internazionale e toglie ogni protezione necessaria per salvaguardare il futuro dei nostri oceani e di queste maestose creature, le balene.

2447

Le autorità islandesi hanno annunciato il piano che prevede l’uccisione di più di 2.000 balene per un periodo di cinque anni. Una decisione che ha fatto arrabbiare i gruppi per la salvaguardia degli animali.

Nonostante il declino del mercato globale di carne di balena e il calo del sostegno pubblico, il governo ha deciso di perseverare sulle catture a dispetto del divieto internazionale sulla caccia alle balene.

 

I balenieri saranno autorizzati ad arpionare le balene finlandesi e 217 balenottere minori nelle acque islandesi, questo ogni anno fino all’anno 2023. Il Ministro della pesca della nazione, Kristjan Thor Juliusson, ha detto che questi numeri sono sostenibili e si basano sulle più recenti ricerche scientifiche.

 

La scorsa estate, l’Islanda è stata al centro di polemiche per aver permesso l’uccisione di due rari ibridi di balenottera azzurra e almeno una dozzina di femmine gravide. 

“La decisione del governo islandese di continuare ad uccidere le balene – tra gli esseri più pacifici e intelligenti del pianeta, è moralmente ripugnante e porta finanziariamente alla bancarotta”, –ha detto Vanessa Williams-Gray, referente per la campagna per la conservazione delle balene e dei delfini.

Il governo però ha citato i benefici economici della caccia alle balene, così come i dati ufficiali che mostrano che le popolazioni della balenottera comune una volta in via di estinzione stanno recuperando il loro numero.

L’International Union for Conservation of Nature,ha recentemente annunciato che i numeri di balenottera comune sono raddoppiati da prima che il divieto entrasse in vigore. Tuttavia, Norvegia, Islanda e Giappone hanno continuato a sfuggire al divieto uccidendo centinaia di balene ogni anno sotto forma di balene ” per ricerche scientifiche”, sostenendo che i numeri sono stati sufficientemente recuperati.

 

La carne di questi viaggi “di finta ricerca” è ancora venduta sul mercato giapponese, nonostante la diminuzione della domanda da parte della popolazione più giovane.

Il massacro delle balenottere Islanda

Le autorità hanno anche fatto riferimento a rapporti recenti, tra cui uno di un economista legato al Partito indipendentista pro-caccia, che ha scoperto che la baleniera ha portato notevoli benefici all’economia islandese. Tuttavia, molti nel paese, compresi quelli coinvolti nell’industria del turismo balenare, hanno risposto a queste affermazioni e hanno sostenuto che le balene valgono più da vive che da morte.

Secondo un rapporto dell’Università dell’Islanda, il fatturato tratto dal turismo sulle balene è stato di 3,2 miliardi di corone (20 milioni di sterline) nel 2017, mentre la caccia alle balene ha portato solo a 1,7 miliardi di corone. 

Insieme alla Norvegia, l’Islanda ha continuato a sfidare il divieto di caccia alle balene commerciali della Commissione internazionale per la caccia alle balene IWC, in vigore dal 1987. Anche il Giappone ha sfidato queste regole, utilizzando una scappatoia che consente la caccia alle balene a fini scientifici.

LASCIA UN COMMENTO