La “Regina dell’avorio” è stata condannata a 15 anni di carcere in Tanzania, ha fatto uccidere 350 elefanti

Un'importante donna d'affari cinese soprannominata la "Regina d'Avorio" è stata condannata a 15 anni di prigione da un tribunale della Tanzania per aver contrabbandato le zanne di oltre 350 elefanti, del peso di quasi 2 tonnellate, in Asia.

2090
La donna d'affari cinese Yang Feng Glan, soprannominata la "regina d'avorio", si trova all'interno della corte del magistrato residente di Kisutu a Dar es Salaam, in Tanzania, il 19 febbraio 2019. REUTERS / Emmanuel Herman

TanzaniaYang Fen Glan era stata incriminato nell’ottobre del 2015 insieme a due uomini tanzaniani per contrabbando di 860 pezzi di avorio nel periodo compreso tra il 2000 e il 2004, per un valore di 5,6 milioni di dollari. Tutti e tre naturalmente hanno negato le accuse.

Yang, 69 anni, vive in Tanzania dagli anni ’70 ed è stata Segretaria generale del Consiglio d’affari delle relazioni tra Cina e Tanzania. Madrelingua swahili, la donna possiede anche un famoso ristorante cinese a Dar es Salaam.

Il magistrato della corte di Kisutu Huruma Shaidi, ha condannato i tre contrabbandieri Yang Fen Glan, Salivius Matembo e Manase Philemon, ciascuno a 15 anni di reclusione per aver diretto una banda criminale organizzata.

Shaidi ha ordinato a loro di pagare il doppio del valore di mercato delle zanne di elefante o in alternativa di affrontare altri due anni di prigione in più di quelli già prescritti.

Nei documenti giudiziari, i pubblici ministeri hanno dichiarato che Yang ha intenzionalmente organizzato, gestito e finanziato un racket criminale. Ha esportato e venduto trofei governativi per un totale di 1.889 tonnellate.

I conservazionisti hanno accolto con favore la condanna di Yang, affermando che è stata la prova della serietà del governo nella lotta contro il bracconaggio della fauna selvatica, ma ha criticato la sentenza. “Non è una punizione sufficiente per le atrocità commesse, essendo responsabile del bracconaggio di migliaia di elefanti in Tanzania”, – ha detto giustamente Amani Ngusaru, direttore del WWF. Ha gestito una rete che ha ucciso migliaia di elefanti”.

Stando ad un censimento del 2015 fatto dai gruppi di conservazione che accusano il bracconaggio “su scala industriale”, la popolazione di elefanti della Tanzania è diminuita da 110.000 nel 2009 a poco più di 43.000 nel 2014. La richiesta di avorio da paesi asiatici come la Cina e il Vietnam, dove l’oro bianco è trasformato in gioielli ornamenti e medicamenti inutili, ha portato a un’impennata del bracconaggio in tutta l’Africa.

Nel marzo 2016, la Tanzania ha condannato due uomini cinesi a 35 anni di reclusione ciascuno, per contrabbando di avorio, mentre a dicembre del 2015 un altro tribunale ha condannato quattro cinesi a 20 anni di carcere ciascuno per contrabbando di corna di rinoceronte.

Yang è stata scortata sotto stretta sorveglianza alla prigione di Ukonga a Dar es Salaam, dove sconterà il suo periodo di detenzione.

LASCIA UN COMMENTO