Firmato l’accordo internazionale per liberare i 97 cetacei prigionieri in Russia

Autorità e scienziati internazionali hanno firmato un accordo che si impegna a rilasciare le balene nel loro ambiente naturale.

327

Le autorità russe hanno accettato di avviare le pratiche per la liberazione di 10 orche e 87 beluga attualmente alloggiate in recinti sovraffollati nella cosiddetta “prigione delle balene” al largo della costa sud-orientale del paese.

Inizialmente catturate da quattro compagnie russe che speravano di vendere gli animali agli aquarium della Cina, le balene sono rimaste rinchiuse a Srednyaya Bay dal luglio 2018. L’accordo è appena stato firmato dal Governatore della regione Primorsky, dall’oceanografo Jean-Michel e dal direttore esecutivo del progetto Cousteau and Whale Sanctuary, Charles Vinick. Un team di scienziati internazionali lavorerà per definire le migliori possibilità di sopravvivenza delle creature prigioniere, decidendo “quando e come rilasciarle” e creando un centro di riabilitazione progettato per facilitare il processo.

Sebbene gli animali potrebbero essere liberati già verso l’estate, Alec Luhn del Telegraph nota che molti di loro non sono autonomi per tornare in libertà a causa della cattiva salute o di una vita trascorsa in isolamento.

Le balene erano state originariamente catturate nelle acque settentrionali della Russia, il che significa che non hanno familiarità con l’area che circonda il loro attuale recinto e che probabilmente non prospererebbero se fossero rilasciate lì. Ma gli scienziati sperano invece di restituire orche e beluga nella regione in cui sono stati catturati, consentendo loro di riunirsi con i membri della famiglia e di reintegrarsi al meglio nella comunità.

 

LASCIA UN COMMENTO