Figlia riconosce il padre che l’aveva abbandonata da piccola in un selfie con il leone ucciso

La figlia non vedeva il padre da dieci anni. Da quando il padre aveva lasciato la madre per unirsi con la nuova compagna.

369

Jacques e Martine Alboud sono una coppia di cacciatori di trofei che dopo aver ucciso gli animali si scattano il classico selfie accanto all’animale ucciso. Nel web circolano da tempo alcuni scatti che ritraggono i due coniugi davanti a diversi animali da loro uccisi e sono tante le associazioni animaliste a criticarli e ad aver denunciato le loro gesta, compiute durante dei safari in Africa. Proprio per colpa di queste foto, la coppia è stata persino licenziata dalla catena di supermercati Super U: i proprietari della filiale francese hanno giudicato inammissibile il comportamento dei due, nonché dannoso per l’immagine stessa della catena, visto che ormai quelle foto sono diventate di dominio pubblico e hanno scatenato molte polemiche.

Adesso la condanna nei confronti di Jacques e di sua moglie arriva anche dalla figlia di lui, Sidneyla ragazza non vede il padre da dieci anni, ossia da quando lui ha abbandonato la sua famiglia per un’altra donna. Lo ha riconosciuto vedendolo in quella orribile foto in cui posa accanto alla sua nuova compagna davanti al leone morto. Di fronte a una scena così raccapricciante, Sidney non ha resistito e ha deciso di dire al padre quello che non è mai riuscita a dirgli prima, attraverso un video su YouTube.

Non ci hai dato un dollaro per l’università. Dopo i 18 anni hai smesso di pagare il mantenimento. E che fai? Ne spendi 15mila per uccidere un animale protetto? – dice Sidney nella clip – Sei orribile. Lasciarci è stata la cosa migliore che hai fatto nella tua vita. Io amo gli animali e non potrei mai fare del male come hai fatto tu. Sapere che mio padre lo ha fatto – ha concluso – mi spinge a dire che non lo considero nemmeno più mio padre”.

In passato Alboud aveva ucciso anche un bellissimo leopardo

LASCIA UN COMMENTO