Incendio catastrofico nell’Artico: è un evento senza precedenti che lascerà i segni

Vasti tratti di latitudini settentrionali della Terra sono andate in fiamme. Il caldo ha inghiottito una parte enorme dell'Artico, dall'Alaska alla Groenlandia alla Siberia.

1176

Questo tipo di clima, ha contribuito a creare condizioni mature per gli incendi, inclusi alcuni di quelli davvero enormi che bruciano in parti remote della regione che vengono visti dai satelliti.

Pierre Markuse, un guru dell’elaborazione di immagini satellitari, ha documentato alcuni dei cento incendi che hanno attaccato le foreste e le torbiere dell’Artico nelle ultime sei settimane. Le immagini che sono frutto di uno studio dell’European Union Earth Observation Programm, rivelano i delicati paesaggi con fiumi intrecciati, imponenti montagne e vaste aree di foresta, tutti sotto una fitta coltre di fumo.

Le condizioni di caldo intenso, giorni fa, hanno alimentato le fiamme anche in Siberia dove molti roghi stanno bruciando senza controllo, spesso, attraverso aree di torba che sono normalmente ghiacciate o molliccie. Ma come ha notato su Twitter Thomas Smith, un esperto di vigili del fuoco della London School of Economics , ci sono ampi segni che indicano che la torba si è asciugata a causa del caldo ed è andata in fiamme. È preoccupante poiché la torba è ricca di carbonio e gli incendi possono rilasciarla nell’atmosfera come anidride carbonica. Gli incendi di torba possono anche bruciare sottoterra in inverno e riaccendersi in primavera.

L’immagine seguente mostra gli incendi a Batagay nella Siberia centrale e nel fiume Lena della regione.

Poi c’è lo strano incendio che è scoppiato in Groenlandia la scorsa settimana . Un paesaggio noto soprattutto per il suo ghiaccio, questa è la seconda volta negli ultimi tre anni che un incendio si è acceso nella Groenlandia occidentale. Ci sono pochissimi precedenti storici per questo tipo di incendi, e sebbene non siano sulla scala di ciò che sta accadendo in Siberia e Alaska, sono ancora un altro sintomo di una transizione artica verso uno stato più instabile mentre il pianeta si riscalda.

LASCIA UN COMMENTO