Zoo svedese uccide nove cuccioli di leone perché in sovrappiù

566

Lo zoo Boras Djurpark, a Gothenberg, in Svezia, ha ammesso di aver ucciso nove cuccioli di leone sani dal 2012 ad oggi. Bo Kjellson, amministratore delegato dello zoo, ha detto che gli animali sani a volte venivano sottoposti ad eutanasia. 

“Penso che siano stati uccisi dopo due anni”, – ha detto Kjellson all’emittente svedese SVT .

“A quel tempo avevamo cercato di venderli o trasferirli in altri zoo, ma sfortunatamente non c’erano strutture che li potessero ricevere e quando le aggressioni diventavano troppo numerose all’interno del gruppo, non ci restava che liberarci di alcuni animali. Non è un segreto e non cerchiamo di nascondere che le cose funzionino proprio in questo modo. Questo sfortunatamente è una prassi naturale usata per gli animali. “

Peccato però che non siano morti “naturalmente”

Kjellson ha detto che lo zoo non era sicuro di cosa sarebbe successo agli altri leoni. “Ci penseremo in futuro. Attualmente, il gruppo va d’accordo, ma alcuni di essi potrebbero diventare animali in eccedenza, e quindi proveremo a collocarli altrove ma potrebbe anche accadere che dovremmo metterli a dormire per sempre.”

Solo due dei 13 cuccioli, nati da tre cucciolate separate, sono sopravvissuti negli ultimi cinque anni. Due leoni morirono per cause naturali e i cuccioli rimanenti furono soppressi. Helena Pederson, ricercatrice in studi dell’etologia animale presso l’Università di Göteborg, ha detto che l’eutanasia degli animali nei giardini zoologici ha sollevato la questione se tali istituzioni debbano ancora rimanere aperte. –“Penso che dobbiamo riflettere se sia ​​importante per noi vedere uno zoo e se vale il prezzo che gli animali pagano per questo.”

LASCIA UN COMMENTO