Svolta clamorosa: chiude dopo 140 anni, lo zoo di Buenos Aires

29

Buenos Aires ha annunciato l’intenzione di chiudere il suo140ennale zoo, sostenendo che la custodia degli animali selvatici in cattività è da ritenersi degradante.

L'orango Sandra
L’orango Sandra

Il sindaco Horacio Rodríguez Larreta, ha stabilito che i 2.500 animali dello zoo verranno gradualmente spostati in riserve naturali in Argentina dove potranno trovare un ambiente più adatto. Lo zoo di circa 17 km nel quartiere di Palermo, diventerà un ecopark appena verrà riaperto entro la fine dell’anno.

“Questa situazione di cattività è degradante per gli animali, questo non è il modo corretto per prendersi cura di loro”, ha detto Rodriguez, in un comunicato ufficiale giovedì.

Il nuovo ecopark sarà “un luogo dove i bambini possono imparare a prendersi cura  e a relazionarsi con le diverse specie”, ha detto il sindaco. “Quello che vogliamo è dare valore agli animali. Il modo in cui vivono lì non è sicuramente il modo per farlo. “

Alcune delle specie di uccelli assieme ad altri animali dello zoo, verranno rilasciati in una Riserva ecologica di Buenos Aires. Altri animali malati o troppo vecchi per essere spostati rimarranno nel sito corrente ma modificato.scimmia zoo buenos aires

Il nuovo Ecopark fornirà anche un rifugio e la riabilitazione per gli animali salvati dal traffico illegale. Lo Zoo di Buenos Aires è stata una delle principali attrazioni turistiche della città, ma nonostante la sua popolarità, lo zoo era in deficit e la struttura è stata abbandonata al degrado.

Lo zoo aveva attirato anche della pubblicità negativa negli ultimi anni, in particolare per quanto riguarda la situazione disperata dei suoi orsi polari in cattività durante le estati calde e oppressive della città. L’ultimo orso polare rimanente dello zoo, chiamato Winner, è morto tre anni e mezzo fa a causa delle temperature svettanti e delle condizioni inadeguate dello zoo.

“La cosa più importante è rompere con il modello di prigionia uguale mostra,” ha detto in un comunicato alla stampa l’avvocato per i diritti degli animali Gerardo Biglia, attivista di lunga data per la chiusura del giardino zoologico di questa città. “Siamo pronti ad un cambiamento perché i bambini al giorno d’oggi devono comprendere che è sbagliato costringere gli animali a vivere in una gabbia.”
Tra i 50 animali che soggiornano allo zoo c’è Sandra, un orango femmina balzata sui
titoli internazionali due anni fa, quando un tribunale di Buenos Aires l’ha dichiarata un “soggetto non umano” e non un oggetto, con sentimenti e capacità di prendere decisioni.

“Il problema è che  Sandra è un ibrido del Borneo e di Sumatra ormai non più in grado di socializzare,” ha detto Biglia. Ma Sandra e gli altri animali che non possono essere spostati non saranno più esposti al pubblico, hanno garantito i funzionari della città. Un passo avanti per l’Argentina, mentre l’Italia rimane a guardare.

 

LASCIA UN COMMENTO