Home Notizie La Cina chiede ai cittadini di sbarazzarsi degli animali domestici per contenere...

La Cina chiede ai cittadini di sbarazzarsi degli animali domestici per contenere il coronavirus

Anche se non ci sono dati scientifici che parlano di trasmissione del virus da gatti o cani all'umano, la popolazione cinese è presa dal panico e abbandona e fa sopprimere i propri animali da compagnia.

In Cina hanno molti comuni hanno ordinato ai loro residenti di smettere di detenere gli animali domestici – o il rischio è quello di farli abbattere – nel timore che gli animali potrebbero anche contrarre il nuovo coronavirus che ha ucciso 213 persone in meno di tre settimane.

Secondo il Daily Mail, i Comitati residenziali, funzionari di territorio e compagnie di varie province e comuni, hanno emesso un ordine rigoroso per i residenti locali dopo aver ricevuto istruzioni dai loro superiori per affrontare l’epidemia.

Un villaggio nell’Hebei ha esortato tutte le famiglie a “eutanizzare” i loro animali domestici entro cinque giorni, altrimenti i funzionari “gestiranno da loro” l’emergenza. Mentre un altro comitato residenziale nella provincia di Shaanxi ha incaricato le persone di “considerare la situazione generale” e di smaltire immediatamente i loro cani e gatti.

La notizia è arrivata quando il principale esperto cinese di malattie infettive ha avvertito che anche gli animali domestici dovrebbero essere messi in quarantena se esposti a contatto con pazienti che hanno contratto il coronavirus, causando timori su fatto che anche gli animali possano contrarre la malattia.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, tuttavia, afferma di non aver  alcuna prova sulla possibilità di passaggio del virus su cani o gatti

A Wuhan, il ground zero dell’epidemia di coronavirus, l’amministrazione di un quartiere ha vietato ai suoi residenti di lasciare che i loro gatti, cani o altri animali, lascino le loro case. In un volantino pubblicato nella comunità, i funzionari locali hanno minacciato di catturare, uccidere e seppellire gli animali sul posto se ne vedono.

Anche l’autorità di un complesso residenziale a Shanghai ha proibito ai suoi residenti di dare da mangiare agli animali randagi per “imporre il controllo e la prevenzione dell’epidemia”.

Divieti simili sono apparsi in province e comuni in tutto il paese, tra cui Pechino, Tianjin, Shandong, Heilongjiang, Hebei, Wuhan, Shanxi e Shanghai, secondo l’organizzazione umanitaria Humane Society International.

In questo grafico è possibile osservare i dati certi e in tempo reale, la localizzazione del virus in ogni parte del mondo

La città di Anshan nella provincia di Liaoning ha incaricato tutti i mercati di animali domestici di interrompere temporaneamente il commercio e le sue forze di polizia hanno “vietato rigorosamente” ai residenti di portare i loro cani in pubblico. 

Il Dott. Peter J. Li, specialista in politica cinese della Humane Society International, ha affermato che l’organizzazione è venuta a conoscenza di alcune brochure emesse dalle autorità locali cinesi che ordinano il divieto di circolazione e persino l’uccisione di cani e gatti randagi. “Questo non è l’approccio giusto per le autorità locali in Cina per far fronte alla crisi nazionale che può essere ricondotta al commercio illegale di specie selvatiche in Cina”, – ha dichiarato Li al MailOnline.

“Gli animali da compagnia non hanno contribuito allo scoppio della SARS nel 2002-2003. Non hanno nulla a che fare con l’epidemia di Wuhan”, – ha aggiunto. Secondo il Dott. Li, tali ordini potrebbero minare lo sforzo nazionale di frenare l’epidemia “allontanando gli sforzi e le risorse necessari dal vero campo di battaglia inoltre le loro decisioni mostrano anche che molti funzionari locali cinesi non hanno la competenza per gestire la società cinese”,– ha concluso.

Il prof. Li Lanjuan, membro del gruppo di esperti senior della Commissione nazionale per la salute della Cina, e docente dell’Accademia cinese di ingegneria, ha detto mercoledì all’emittente statale CCTV: “In questa stagione epidemica, i proprietari di animali  dovrebbero rivedere la loro gestione degli animali domestici . Se i tuoi cani corrono fuori e vengono a contatto con l’epidemia o le persone infette dal virus, anche i tuoi animali domestici devono essere messi in quarantena poiché l’epidemia si diffonde tra i mammiferi, dovremmo prendere precauzioni contro altri mammiferi.”

I commenti del Prof. Lanjuan hanno spinto i proprietari di animali domestici ad abbandonare i loro compagni animali. Mentre questi rapporti rimangono non verificati, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, non vi è peoccupazione che anche cani e gatti potrebbero catturare il coronavirus.

In un messaggio pubblicato su Weibo, l’equivalente cinese di Twitter, il gruppo ha consigliato alle persone di lavarsi le mani dopo aver tenuto gli animali domestici per ridurre i rischi di catturare batteri dagli animali. Tuttavia sono molte le persone che non vogliono abbandonare i loro pet e per questo si affrettano a comprare mascherine protettive per i loro cagnolini. 

Il coronavirus ha ora infettato ogni regione della Cina. I funzionari cinesi hanno ora confermato più di 9.750 casi, mentre oltre 100 sono stati registrati al di fuori della nazione, portando il bilancio a oltre 9.900. I morti ora sono a 213.

 

 

LASCIA UN COMMENTO