Caltanissetta, beagle centrata intenzionalmente e trascinata da un’auto in corsa: è viva

Ha due occhioni tristi ed espressivi che parlano e chiedono aiuto, la beagle che è stata travolta e trascinata intenzionalmente da un’auto in corsa a Serradifalco (CL).

2793
Foto per gentile concessione di Fabio Calì

Ha due occhioni tristi ed espressivi che parlano e chiedono aiuto, la beagle che è stata travolta e trascinata intenzionalmente da un’auto in corsa a Serradifalco (CL). Chi le ha voluto male di certo è qualcuno che odia i cani e che ha voluto sfogare tutta la sua cattiveria proprio su un esserino indifeso. Soffre per il dolore dai traumi subiti ma è viva e ha tanta voglia di farcela, reagisce bene alle cure la piccola quattro zampe vittima di un orrendo e intenzionale incidente. La piccola si guarda la zampina quasi mutilata e sembra chiedersi perchè? Cosa ho fatto di male? In realtà nulla, dato che il male le è stato provocato da un’automobilista senza cuore.

Foto per gentile concessione di Fabio Calì

Caltanissetta – L’hanno chiamata Margot, la buona e dolcissima beagle forse abbandonata, che è stata salvata 5 giorni fa a Serradifalco in provincia di Caltanissetta da L.I.D.A. Sicilia.  La cagnolina è stata trovata stesa nel cemento in un lago di sangue dopo che un’auto l’ha centrata in pieno.

“Le cose sono andate così”, –ci racconta Fabio Calì, guardia eco zoofila a capo di L.I.D.A. Sicilia, che si sta occupando delle cure per la cagnolina – “una signora affacciata al balcone ha visto una macchina che avanzava sulla strada proprio mentre la cagnolina era nel centro della carreggiata. L’auto intenzionalmente ha centrato la cagnolina in pieno, proprio con l’intento di ucciderla. La povera beagle è rimasta impigliata in qualche parte sotto l’auto, con il corpo si è ritrovata trascinata per un paio di metri e poi l’auto quando ha pensato di averla uccisa, è fuggita via a gran velocità.”

“Un altro passante, che ha visto la beagle in quelle condizioni, l’ha messa in sicurezza sul lato della strada e ha chiamato noi guardie eco zoofile che con i nostri mezzi e lampeggiante blu a sirena bitonale, siamo giunti sul luogo per prestare aiuto il più presto possibile.”

Foto per gentile concessione di Fabio Calì

“La cagnolina era messa molto male”– dice addolorato Fabio Calì,- “quando l’abbiamo portata nell’ambulatorio del nostro rifugio, a San Cataldo, le abbiamo fatto le lastre e abbiamo notato che l’occhio era stato colpito in modo molto profondo, la carne era esposta, inoltre la zampina era semi maciullata e con i tendini anch’essi esposti.”

 – Una situazione critica.

“Si, ma per fortuna non ha perso la vista anche se ancora non sappiamo se la beagle perderà la zampina o se la si potrà salvare.”

Foto per gentile concessione di Fabio Calì

La beagle ha subito un’operazione durata ben sei lunghe ore, in cui la Dott.ssa Spadone Arianna non ha mai perso le speranze e ha fatto il possibile per salvare l’occhio e la zampina di  Margot. La cagnolina, scrive il medico nella diagnosi, presentava la frattura dell’articolazione femorotibiale comminuta ed esposta, la frattura della tibia tardale sx, la frattura osso temporo-mandibolare, lesioni ai tendini, ai legamenti, alle fasce muscolari e alla cute.

Foto per gentile concessione di Fabio Calì

“Si stima che Margot, abbia un anno e mezzo di età e contiamo che tra un mesetto la dolcissima beagle possa trovare una famiglia amorevole che le faccia dimenticare il forte trauma che ha subito. Ora stiamo già raccogliendo richieste tramite la modulistica di pre-affido.”

Per chi volesse fare richiesta di adozione, può scrivere a [email protected]. Margot dopo un giorno ha iniziato a mangiare e dimostra di avere appetito, si fida del personale medico e dei volontari che le rivolgono tante attenzioni con tutto l’amore possibile.

Dopo un giorno, Margot già muoveva i suoi primi passi.

Fabio Cali, assieme agli altri volontari, hanno dovuto sostenere da soli le spese per operare Margot, ma nel rifugio ci sono altri 80 cani che devono mangiare per vivere. La vita per questi volontari non è facile. Sei vuoi aiutare Margot e gli altri cani del rifugio di San Cataldo manda un aiuto concreto a COORDINATE BANCARIE: IT 84C 08952 83421 000000208920

 

LASCIA UN COMMENTO