Cambiamento epocale per la Cina: dirà stop al commercio di avorio entro la fine del 2017

PECHINO - La Cina ha promesso Venerdì a fermare completamente il suo commercio di avorio interno entro la fine del 2017.

2570

La decisione è stata accolta di buon grado da ambientalisti e associazioni varie come una reale speranza di porre fine al bracconaggio che attualmente sta spazzando via decine di migliaia di elefanti in tutta l’Africa.

“L’annuncio della Cina è un punto di svolta per la conservazione degli elefanti,” ha detto in un comunicato ufficiale Carter Roberts, Presidente del World Wildlife Fund. “Il commercio su larga scala di avorio ora volge verso il tramonto e il futuro per gli elefanti selvatici è brillante.”

La Cina ha detto di voler iniziare la graduale eliminazione del commercio di avorio in marzo e di cessare la commercializzazione completamente entro il 31 dicembre 2017.

Il Natural Resources Defense Council, un gruppo ambientalista di New York, ha detto che la notizia “è il più grande segno di speranza per gli elefanti dall’inizio della crisi al bracconaggio corrente”, mentre Grazia Ge Gabriel, direttore per l’Asia presso il Fondo internazionale per il Benessere degli animali, (International Fund for Animal Welfare), si è detta “sopraffatta dalla gioia.”

“Questa è una grande notizia che spegnerà il più grande mercato del mondo che tratta avorio di elefante”, ha detto Kang Aili, direttore per l’Asia di Wildlife Conservation Society. “I trafficanti d’avorio hanno appena perso uno dei loro più grandi mercati.”

Si tratta di un passo enorme per un paese che in precedenza ha sostenuto che la scultura di avorio faceva parte del suo patrimonio culturale e che gli oggetti in avorio finemente intagliato assieme al legno, erano diventati regali popolari per ungere le ruote del governo e delle imprese.

Il governo è stato condizionato non solo dalla pressione internazionale, ma anche dal cambiamento dello stile di vita della popolazione. Celebrità come l’ex stella dell’NBA, Yao Ming hanno condotto campagne per “fermare l’acquisto” di avorio – e semplicemente vogliono educare le persone sul fatto che per qualsiasi oggetto in avorio, gli elefanti hanno dovuto morire.

Inoltre il fatto che la Cina avesse un ruolo chiave nel commercio illecito di avorio stava danneggiando la sua immagine in Africa.

Quando l’otturatore del mercato si chiuderà, il Ministero cinese della Cultura aiuterà i dipendenti del settore sulla produzione di oggetti di avorio a trovare altri posti di lavoro, ad esempio, favorendo le figure di “intagliatori master” a lavorare nei musei per aiutare a riparare e mantenere significative opere d’arte in avorio, dice la nota. Il governo ha anche promesso nel decorso fino all’applicazione della legge, di educare il pubblico a respingere l’avorio.

LEGGI ANCHE:  Morto oncologo Umberto Veronesi, ha lottato a favore del vegetarianesimo

Ogni anno, circa 20.000 elefanti africani continuano ad essere uccisi per le loro zanne, ogni anno, dicono gli esperti, in gran parte per soddisfare la domanda dall’Asia, e in particolare della Cina.

La popolazione di elefanti in Africa, si è ridotta da circa 1,2 milioni di 35 anni, a 400.000 e 500.000 di ora. Gli elefanti della foresta dell’Africa centrale potrebbero essere estinti entro il prossimo decennio, se le tendenze attuali continuano, mentre la popolazione di elefanti della Tanzania è diminuito del 60 per cento tra il 2009 e il 2014 .

Si stima che il commercio mondiale superi i 10 miliardi di dollari l’anno e che sia gestito da organizzazioni criminali internazionali, a volte con l’aiuto di gruppi ribelli africani.

Anche se il divieto viene applicato in Cina, alcuni esperti avvertono che il commercio potrebbe spostarsi oltre il confine nella vicina Laos, nel Vietnam e nella Birmania, dove i grandi mercati favoriscono la vendita di prodotti della fauna selvatica in via di estinzione per i consumatori cinesi. C’è anche il pericolo che i commercianti spaccino come avorio di elefante l’avorio di mammut legale.

L’annuncio segue un impegno dell’ex presidente Obama nel mese di settembre 2015 di porre fine al commercio di avorio nei rispettivi paesi. Hong Kong, è un altro importante obiettivo raggiunto per il contrabbando di avorio, ed haannunciato la scorsa settimana che saranno inflitte massime pene per i reati su fauna selvatica, anche di 10 anni di reclusione in modo da eliminare gradualmente il proprio commercio di avorio entro la fine del 2021 anche se non manca pressione da parte delle associazioni per muoversi più velocemente.

Ora che la Cina ha detto il suo stop, gli elefanti possono fare un respiro di sollievo, in attesa che venga messo un freno sulle organizzazioni del crimine mondiale del bracconaggio.

LASCIA UN COMMENTO