Vaquita in via di estinzione a causa della caccia: ne sono rimasti solo 10 esemplari al mondo

Gli scienziati hanno annunciato che sono sopravvissute al mondo solo 10 focene vaquita . Praticamente senza un'azione efficace e immediata l'estinzione è vicina.

665

La vaquita, (Phocoena sinus),  il cetaceo più piccolo e più minacciato al mondo. La  vaquita, che in spagnolo significa “piccola vacca” è una rara specie di focena. Si trova solo nel Golfo del Messico settentrionale, ma la sua popolazione è stata martoriata negli ultimi anni. Catturata e uccisa con reti di cattura illegali utilizzate solitamente per pescare un pesce endemico delle acque messicane: il totoaba.

Anche il totoaba è in pericolo. Viene catturato per le sue vesciche natatorie o fauci, che sono illegalmente vendute da organizzazioni criminali che trafficano il pescato dal Messico alla Cina, dove viene molto apprezzato per le presunte proprietà medicinali.

Vesciche natatorie totoaba

I nuovi dati sul numero di vaquita al mondo stima che il cetaceo potrebbe sparire entro la fine dell’anno 2019. Il Comitato internazionale per il recupero della Vaquita (CIRVA), ha invitato il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador, a porre fine a tutte le attività di pesca con reti da imbrocco e ad adottare una politica di “tolleranza zero” nel piccolo habitat che rimane alla vaquita.

Un Vaquita ucciso

Clare Perry, direttore dell’Environmental Investigation Agency (EIA), ha dichiarato: “Le reti criminali organizzate che trafficano le vesciche natatorie dei totoaba dal Messico alla Cina sono gli stessi responsabili dell’uso di reti da pesca illegali che porteranno la vaquita all’estinzione.”

“A meno che il Messico non si affretti a far rispettare le leggi e lavori con la Cina e con i principali paesi di transito per smantellare quelle reti, non c’è speranza di vita per la vaquita”.

Nonostante gli sforzi compiuti in Messico per frenare la pesca a rete di gamberi e altri pesci, insieme agli sforzi in Cina per ridurre la domanda di totoaba, la popolazione della vaquita è scesa del 50% nel 2018, lasciando una stima di circa 10 restanti vaquita. 

Nel 2017, di fronte alle pressioni internazionali, il Messico ha vietato l’uso della maggior parte delle reti da imbrocco all’interno della gamma del vaquita, ma i controlli effettuati in rispetto della legge sono stati carenti.

Il CIRVA ha sottolineato che la vaquita non è ancora estinta e il recupero rimane una possibilità, per quanto sottile. Stanno ancora producendo prole e gli altri animali sono sani, senza segni di malattia o malnutrizione. Dobbiamo prevenire l’estinzione prima che sia troppo tardi, per questo è stata lanciata in rete una petizione per salvare gli ultimi esemplari di vaquita rimasti, firma anche tu. 

LASCIA UN COMMENTO