Un caso di aviaria nell’allevamento di Mira: ora saranno uccisi 20.500 tacchini

GIARE DI MIRA - 20,500 tacchini saranno abbattuti dopo che ad uno di loro è stato diagnosticato un caso di aviaria.

168

Il fatto è avvenuto in un’allevamento intensivo di Giare di Mira in provincia di Venezia e il Sindaco Alvise Maniero ha già annunciato che in via preventiva, saranno abbattuti tutti i tacchini dell’azienda di Giare.

Nella giornata di ieri infatti, la Rete di sorveglianza epidemiologica del Veneto, ha stabilito che il giorno 21 gennaio 2017, è stato confermato dal Centro di Referenza Nazionale per l’Influenza Aviaria e la Malattia di Newcastle (CRN) dell’IZSV una positività in un tacchino per un virus influenzale tipo A sottotipo H5N8 HPAI in campioni prelevati dai tacchini.

Decisione estrema quella del Sindaco che ha seguito le procedure regionali, al fine di impedire l’eventuale diffondersi della malattia tra altri animali. Il primo cittadino  ha quindi ordinato il sequestro delle strutture di allevamento e di tutti i tacchini allevati, disponendone l’immediato abbattimento in loco, la distruzione delle carcasse e di tutti i materiali o rifiuti potenzialmente contaminati come mangime, lettiere o letame. La stessa ordinanza dispone anche pulizia e disinfezione dei locali e dei veicoli utilizzati per il trasporto degli animali. Sarà istituita una zona di protezione e sorveglianza intorno alla sede del focolaio, nelle quali verranno applicate rigide misure sanitarie.

Alla luce di tutto ciò sarebbe utile aprire gli occhi sugli allevamenti in batteria di polli e tacchini. Gli allevatori sanno bene che anche un solo animale ammalato pregiudica tutto il guadagno e quindi ci vanno giù di antibiotici per non perderci nulla. Questa volta è andata male, forse la dose non era troppo alta o forse ed è la cosa più probabile, gli animali stanno diventando resistenti anche agli antibiotici più potenti, ed è la stessa cosa che sta accadendo all’uomo che si ciba della loro carne. Solo questo dato dovrebbe portarci tutti a scegliere una dieta di tipo vegetale, per salvare gli animali noi stessi e l’intero pianeta.

LASCIA UN COMMENTO