“The pangolin man”: l’uomo che dedica la sua vita a salvare i pangolini

Al rifugio di Tikki Hywood a Harare, in Zimbabwe, un gruppo di volontari si adopera per salvare la vita ai pangolini e per questo sono chiamati "gli uomini dei Pangolini".

243

Zimbabwe- Queste persone dedicano la loro vita a salvare un animale preistorico in crescente minaccia di estinzione. Il pangolino è l’unico mammifero del mondo con le scaglie. Purtroppo, è questa caratteristica a far si che il pangolino si onori dello sfortunato titolo del mammifero più trafficato del mondo.

Sono più di un milione i pangolini che sono stati illegalmente cacciati e uccisi nell’ultimo decennio. Tutte e otto le specie in Africa e Asia vengono cacciate per le loro scaglie, impiegata nella medicina tradizionale asiatica. Oltre che a servire per questo scopo inutile, i poveri pangolini vengono uccisi anche per la loro carne.

Ma i preservatori della specie, come la squadra del Tikki Hywood Trust, stanno lavorando duramente per invertire questa orribile tendenza. Come si vede nel video pubblicato da Barcroft Animals, ad ognuno dei Pangolin man viene assegnato un pangolino e trascorrono tutto il giorno riabilitando e camminando con loro in modo che l’animale possa imparare a foraggiare naturalmente.
La clip mostra anche un raro scorcio delle dolci e giocose creature che interagiscono con gli operatori.

LEGGI ANCHE:  Cacciatore acceca una peppola con la sigaretta: il CFS Il Pettirosso, la libera

“Qui in Zimbabwe, siamo orgogliosi di salvare i pangolini”, dice un portavoce dei volontari. “Ogni giorno con i miei amici proteggiamo questi animali, li portiamo a camminare, li nutriamo, li proteggiamo come se fossero i nostri figli”.

Al fotografo Adrian Steirn, presente anche nel video, è stato concesso l’accesso al rifugio. Lì, ha creato dei splendidi ritratti fotografici sui Pangolin man per aiutare a portare l’attenzione sulla situazione di questo animale in pericolo e per il quale molte persone non hanno mai sentito parlare. Dice Steirn nel video – “Spero che le persone imparino a tutelarli un po’ di più, non solo per i pangolini, ma per il bene del nostro pianeta”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO