Siviglia: cavallo che trainava carrozza con turisti stramazza al suolo e non si rialza più

ll cavallo è caduto con un tonfo e non si è più rialzato. Ci sono voluti i vigili del fuoco e l'imbracatura per rialzarla in piedi.

339

Siviglia – Vogliamo ricordare una storia che dovrebbe essere spunto di riflessione per chi è solito fruire del giro in carrozza o botticelle che dir si voglia, per visitare le città d’arte. Il cavallo della penisola iberica il cui compito era quello di trainare la carrozza con i turisti per tutto il santo giorno e sotto il sole cocente, un bel giorno, nel bel mezzo della piazza crollò a terra.  Gli attivisti di PACMA, filmarono il triste momento in cui l’animale crollò a terra in uno stato di estrema stanchezza dopo ore e ore di duro lavoro per permettere ai turisti di fare il classico “giretto” in carrozza.

Il cavallo rimase a terra per più di un’ora senza avere la forza di muovere un solo muscolo. Per risolvere la situazione, dovettero intervenire i Vigili del fuoco che usarono una speciale imbracatura e la agganciarono ad una grù. Questo tipo di abuso consentito in Spagna così come in Italia, è legalizzato e si continua a lottare per la sua abolizione ma purtroppo siamo ancora qui a parlarne.

LEGGI ANCHE:  Barilla, la cagnolina spagnola pelle e ossa che non si è mai arresa - Video

Discutibile anche il metodo dei vetturini che lasciano anche nei momenti di breve sosta, i cavalli sotto il sole, senza un minimo di ombra per ripararsi e senza acqua da bere, icavalli boccheggiano tutto il giorno con la lingua a ciondoloni. I cittadini amanti degli animali e che vivono nelle località dove la pratica è in voga, sono preoccupati perchè il maltrattamento animale non corrisponde all’immagine che vorrebbero dare dei luoghi turistici e sempre più residenti, chiedono a gran voce lo stop a questo tipo di maltrattamento.

In Italia auspichiamo da anni una legge nazionale che obblighi i vetturini a sostituire le attuali carrozze con quelle elettriche, mantenendo in questo modo l’attività lavorativa ma dando la meritata libertà ai poveri cavalli sfruttati e abusati per accontentare turisti senza cuore.

 

LASCIA UN COMMENTO