Sequestro record di scaglie di pangolino a Singapore: nei container erano nascosti 14 tonnellate di scaglie

Si tratta del più alto quantitativo di scaglie di pangolino mai sequestrato prima:14 tonnellate di scaglie.

669

Le autorità di Singapore hanno sequestrato più di 14 tonnellate di scaglie di pangolino destinate al Vietnam. Paul Thomson del Gruppo di specialisti del Pangolin dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), l’ha descritto come il più grande sequestro illegale di questo tipo mai registrato al mondo. 

Thomson ha detto al New York Times portavoce della notizia, che la IUCN stima che per questa operazione, siano stati uccisi circa 36.000 pangolini per raccoglierne le scaglie, cosa vietata dalla legge internazionale. –“Forse è l’ultima volta che vedremo i pangolini” – ha detto preoccupato Thomson.

A Singapore, le scaglie erano state nascoste in un container contrassegnato con la dicitura “carne di manzo congelata”. Al suo interno, i funzionari doganali hanno trovato i sacchi impacchettati e ammucchiati dal pavimento fino al soffitto. I sacchi traboccavano del prodotto in un’operazione di contrabbando di animali selvatici così vasta, che gli ambientalisti si sono allarmati per l’estinzione della specie.

Il container fermato a Singapore

Caccia illegale e traffico

I pangolini sono i mammiferi più di trafficato al mondo. Si stima che ogni giorno vengono cacciati illegalmente circa 300 esemplari. L’Unione internazionale per la conservazione della natura, nel 2014 ha dichiarato tutte le otto specie a rischio estinzione, mentre due specie sono considerate in grave pericolo.

Gli studiosi affermano che il tipo di difesa del pangolino che si arriccia a palla per dissuadere i predatori, lo ha reso un bersaglio facile per i cacciatori.

Il commercio di pangolino è stato vietato dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione nel 2016. Tuttavia, il commercio interno rimane legale in alcuni paesi tra i quali la Cina dove i pangolini sono quasi estinti, e il Vietnam.

 
 

I funzionari della dogana di Singapore e il comitato nazionale per i parchi nazionali, hanno dichiarato in una nota, che le squame spedite dalla Nigeria, erano dirette in Vietnam, sede del secondo mercato nero più redditizio dopo la Cina.

Pangolino salvato in sudafrica. Foto New York Times

Perchè c’è così tanta richiesta in oriente?

Secondo un sondaggio condotto da WildAid nel 2015, in Vietnam, molti vedono la carne del pangolino come un lusso, uno status sociale, un alimento che porta benefici per la salute. 

In Cina, circa il 70% delle persone intervistate da WildAid, ritiene falsamente che il pangolino possa curare disturbi che vanno dai reumatismi alle malattie della pelle. I consumatori spesso lo bevono nel vino o in polvere come viene prescritto nella medicina tradizionale cinese.

Con le tecniche come l’impronta digitale forense, i governi cercano di scoraggiare i bracconieri, ma i recenti sequestri hanno dimostrato che il pangolino è ancora troppo trafficato in tutto il mondo.

A febbraio, 33 tonnellate di carne di pangolino sono state sequestrate in due stabilimenti della Malesia. All’inizio del mese, le autorità di Hong Kong hanno intercettato una spedizione da nove tonnellate di scaglie di pangolino e 400 kg. di zanne di elefante.

LASCIA UN COMMENTO