Salvati Rangeela e Sridevi, gli ultimi due orsi ballerini del Nepal

Picchiati e addestrati alla sottomissione, i due orsi bradipo si esibivano probabilmente da più di un decennio.

283
foto di National Geographic

La vecchia tradizione di far ballare l’orso, criticata per i suoi crudeli metodi di allenamento, sta finendo in Nepal. Grazie all’aiuto del Jane Goodall Institute Nepal e il no-profit con sede a Londra World Animal Protection, i due orsi giocolieri Rangeela e Sridevi sono stati liberati dalle mani nemiche dai loro gestori, Mohammad Salman e Mohammad Momtaz, membri del Nat comunità semi-nomade che tradizionalmente si guadagnava da vivere con spettacoli di strada.

“Essere lì di persona per aiutare a salvare gli ultimi orsi ballerini in Nepal è stato surreale“, – ha detto Neil D’Cruze, consulente mondiale per la fauna selvatica di World Animal Protection.  –“Eravamo a conoscenza del fatto che Rangeela e Sridevi stavano soffrendo in cattività da quando erano stati catturati e portati via dalla loro foresta.” 

La formazione degli “orsi ballerini” per un pubblico pagante era popolare nel Medioevo in Europa e in Asia, ed è rimasta comune nell’Europa orientale e in Asia fino alla fine del 20 ° secolo, secondo quanto riporta World Animal Protection.

Dopo gli sforzi dei gruppi per il benessere degli animali per salvare gli orsi, ora la pratica sta volgendo al termine. Si ritiene che paesi come Albania, Bulgaria, Grecia, India, Serbia, Turchia e ora il Nepal, non abbiano più orsi ballerini, ma la pratica purtroppo continua in Pakistan.

Per fortuna la sorte di questi due orsi anche se sono dovuti passare dieci anni, ha avuto un risvolto positivo. Altre organizzazioni applaudono il salvataggio. “Queste pratiche animali crudeli, nascoste dietro la scusa della cultura, non sono più accettate in una società contemporanea”, – ha detto Claire LaFrance, responsabile delle comunicazioni per Four Paws U.S., l’associazione senza scopo di lucro , che a sua volta ha contribuito a farla finita con la danza degli orsi in diversi paesi. “Paesi come India, Nepal e Vietnam, che lottano continuamente per la modernità e per essere presi sul serio su scala globale, devono porre fine a queste pratiche arretrate che sfruttano gli animali per scopi di lucro”.

foto di National Geographic

Gli orsi molto spesso, vengono catturati da cuccioli e le loro madri vengono uccise per la bile medicinale estratta dalla loro cistifellea o per le loro zampe, che servono per cucinare una costosa zuppa  o impiegate nella medicina tradizionale cinese.

Di solito un cucciolo viene sottomesso e addestrato con metodi crudeli . Il suo muso viene trafitto e una corda o un anello viene fatto passare attraverso il foro per controllare  e dominare l’orso. I poveri animali vengono tirati come cani e i loro artigli rimossi per evitare lesioni al proprietario. Gli orsi sono addestrati con la sottomissione è un processo traumatizzante che spesso comporta delle percosse all’orso con un bastone e quando sono pronti devono esibirsi sulle strade o davanti ai ristoranti.

Finalmente qualche giorno fa Rangeela e Sridevi, sono stati trasferiti nel parco nazionale di Parsa. Ora i loro aguzzini hanno perso la loro unica fonte di reddito e dovranno cercare altri mezzi per guadagnare denaro senza sfruttare gli animali.

 

LASCIA UN COMMENTO