Rakuten il più grande rivenditore giapponese on line, ha detto stop alla vendita di avorio

Uno dei più grandi rivenditori online del Giappone ha vietato la vendita di avorio, chiudendo un mercato importante per il dannoso commercio dell'oro bianco.

103

Rakuten paragonato all’Amazon  italiano, è accusato di essere il più grande rivenditore online al mondo di avorio di elefante, ma ora ha bloccato le sue vendite.

Il commercio è legale in Giappone per gli oggetti importati prima del 1989 – ma ora i magazzini di Rakuten saranno svuotati da qualsiasi oggetto in avorio.

Molti altri paesi hanno vietato il commercio, in questo modo si sono tolti ogni preoccupazione che contribuisca al bracconaggio degli elefanti.
Rakuten ha annunciato che ora risponderà così alla “crescente preoccupazione internazionale. Ci vorranno 1-2 mesi per rimuovere tutti i prodotti dagli gli elenchi ma poi non si troverà più nessun articolo fatto di avorio.”

Il giorno dell’annuncio, un gran numero di oggetti d’avorio erano ancora in  vendita, tra cui dei timbri personalizzati scolpiti e conosciuti come “hanko”.
I venditori di tali articoli, in teoria dovrebbero tenere dei registri accurati che certifichino la loro origine utizzando solo stock di avorio regolamentati.
Ma gli attivisti per i diritti animali, sanno bene che le regole sono spesso eluse e il materiale prezioso viene contrabbandato attraverso le frontiere.

Yahoo Japan, un altro sito che consente la vendita di avorio, è già nell’occhio del mirino per questa pratica.
Ma la cosa non lo scompone, stando a quanto riporta la BBC,  un portavoce ha detto a Reuters che non ha intenzione di fermare il commercio: “Non pensiamo che il commercio legale di avorio in Giappone, abbia un impatto significativo sul numeri di elefanti africani uccisi”.

I numeri di elefanti africani sono scesi dal secolo scorso, e oggi sono circa 500.000 i residenti sul continente. La Cina, prima responsabile della loro sparizione per il commercio dell’avorio, ha annunciato che nel mese di dicembre 2017, vieterà tutte le attività e gli scambi di avorio un passo che dovrebbe mettere un forte freno al commercio con gli elefanti.

 

 

LASCIA UN COMMENTO