Nasce in Spagna il primo allevamento di polpi, scienziati contrari: il polpo ha grandi sentimenti

Gli scienziati chiedono di fermare l'apertura dell'allevamento, l'intellingenza e la sensibilità di un polpo è paragonabile a quella dell'uomo.

Il primo allevamento commerciale di polpi al mondo diventerà presto realtà in Spagna. ma la notizia ha creato sgomento in scienziati e ambientalisti. Gli esperti sostengono che queste creature sensibili e intelligenti, ritenute capaci di provare dolore ed emozioni, non dovrebbero mai essere allevate per essere commercializzate come cibo.

Un team di esperti ha esaminato più di 300 studi scientifici e ha concluso che i polpi sono “esseri senzienti” e c’è una forte evidenza scientifica sul fatto che possono provare piacere, eccitazione e gioia, ma anche dolore, angoscia e dolore. E’ impossibile associare il benessere animale in un allevamento di polpi.

Ma i tentacoli di polpo vengono arrostiti in padella, arrotolati su piatti e fatti galleggiare nelle zuppe di tutto il mondo, dall’Asia al Mediterraneo e negli USA. In Corea del Sud le creature a volte vengono mangiate vive.

Il numero di polpi allo stato brado sta diminuendo e i prezzi salgono. Si stima che ogni anno vengano catturate 350.000 tonnellate, 10 volte di circa 70 anni fa.

La multinazionale spagnola Nueva Pescanova (NP) sembra aver vinto la competizione contro aziende messicane, giapponesi e australiane e ha annunciato che inizierà la commercializzazione del polpo d’allevamento la prossima estate, per partire con la vendita nel 2023.

Nueva Pescanova si è rifiutata di rivelare dettagli sulle condizioni in cui verranno tenuti i polpi. Il cibo che mangeranno e il modo in cui verranno uccisi sono segreti.

L’associazione di protezione animali Compassion in World Farming (CIWF), ha scritto ai governi di diversi paesi, inclusa la Spagna, esortandoli a vietare l’apertura del nuovo allevamento. La dottoressa Elena Lara, di CIWF ha detto – “Sono animali fantastici. Sono solitari e molto intelligenti. Quindi metterli in vasche sterili senza stimolazione cognitiva fa loro male».

Chiunque abbia visto il documentario vincitore dell’Oscar 2021 My Octopus Teacher sa di cosa stiamo parlando.

I polpi hanno cervelli grandi e complessi. Sono stati osservati usare noci di cocco e conchiglie per nascondersi e difendersi, e hanno dimostrato che possono imparare rapidamente compiti prestabiliti. Sono anche riusciti a fuggire dagli acquari e rubare dalle trappole tese da persone che pescano.

Inoltre, non hanno uno scheletro che li protegga e sono molto territoriali. Pertanto, potrebbero essere facilmente danneggiati in cattività, e se ci fosse più di un polpo in una vasca, gli esperti dicono che potrebbero iniziare a mangiarsi a vicenda.

Se l’allevamento di polpi aprisse in Spagna, sembra che le creature allevate lì riceverebbero poca protezione dalla legge europea. I polpi e altri cefalopodi invertebrati, sono da considerarsi esseri senzienti, ma la legge dell’UE sul benessere degli animali da allevamento si applica solo ai vertebrati, creature che hanno la spina dorsale. 

 Il biologo evoluzionista Jakob Vinther dell’Università di Bristol spiega – “Il polpo è un esempio di un organismo che si è evoluto per avere un’intelligenza estremamente paragonabile alla nostra. Le loro capacità di risoluzione dei problemi, giocosità e curiosità sono molto simili a quelle degli umani, dice il dottor Vinther. Addirittura sono da considerarsi esseri soprannaturali. Quando vediamo un polpo, è come se incontrassimo un alieno intelligente proveniente da un altro pianeta”.

Un altro danno è che l’allevamento di polpi potrebbe aumentare la crescente pressione sulle popolazioni di pesci selvatici. I polpi sono carnivori e per vivere hanno bisogno di mangiare cibo da due a tre volte il loro peso.

Attualmente, circa un terzo del pesce catturato nel mondo viene trasformato in cibo per altri animali e circa la metà di tale quantità va all’acquacoltura. Il polpo d’allevamento potrebbe essere nutrito con prodotti ittici provenienti da popolazioni purtroppo già sovrasfruttate.

Commosse tutti il video di una decina di anni fa in cui i pescatori si intenerirono davanti al polpo che cercava a tutti i costi la via di fuga per tornare nel suo mare

 

LASCIA UN COMMENTO