Melito, 73enne bastona un cane sulla strada e lo riduce in fin di vita: fermato dai passanti

Bastonate a più non posso e dove prendeva prendeva. Così un 73enne ha ridotto in fin di vita un cane.

1697

Napoli – Con una furia impressionante, un 73enne di Melito, domenica sera, ha iniziato a picchiare un cane con l’intento di ucciderlo a suon di bastonate. I passanti che hanno sentito le urla strazianti del cane si sono avvicinati e qualcuno ha documentato con un video gli ultimi momenti dell’aggressione verso Pocho, questo è il nome della povera bestiola ridotta in fin di vita. 

Stefano Caiazza, questo è il nome dell’aggressore, classe 1946,  è stato denunciato per maltrattamento ingiustificato verso gli animali. Il randagio che da sempre vive nella zona, è da sempre amato e accudito dall’intero quartiere. Nel video si vede una persona che si avvicina al Caiazza che non contento continua a trascinare per la coda il cane sanguinante e senza più forze. Il passante sconvolto gli urla “bastardo, bastardo”. Questi sferra una spinta all’uomo che iniziando a temere per la sua incolumità se la da’ subito a gambe. 

Nel video l’uomo viene fermato dalla gente del posto

Il cane è stato portato in stato comatoso, presso la clinica veterinaria di Marano, dove i medici hanno fatto il possibile per salvargli la vita. Gravi le sue condizioni, Pocho ha riportato un trauma cranico, frattura del bacino e danni alla colonna vertebrale. Nel frattempo i carabinieri hanno interrogato Caiazza che si è giustificato dicendo che il cane lo aveva aggredito, cosa molto difficile da credere vista la buona indole dell’animale, benvoluto da tutti. 

Pocho si sta riprendendo

Giorno per giorno, le cure di Pocho proseguono e incredibilmente, come si dice, l’amore fa miracoli.  Il cane sta recuperando piano piano la sua salute, ora riesce ad alzarsi e ha iniziato a mangiare. E’ circondato dalle cure amorevoli dei volontari e di tutto il personale dell’ASL2 di Napoli. Il cane è ancora mogio mogio. Non è facile per lui, dimenticare questa brutta esperienza ma lentamente sta riprendendo fiducia nel genere umano, quello buono naturalmente. 

Immagine Facebook
Immagine Facebook

Per l’ennesima volta le associazioni scenderanno in piazza

l maltrattamento del piccolo Pocho hanno scosso l’opinione pubblica e le associazioni ancora una volta scenderanno in piazza a Melito il 2 agosto per dare vita ad un presidio. A chiedere giustizia per Pocho e l’inasprimento delle pene saranno IamOnlus, Animalisti Italiani, Oipa, Lav, Enpa, Meta, L.A Protezione animali, il Sindaco Antonio Amente, l’Assessore alla Tutela degli Animali Carmen Grazioso, i Carabinieri e la Polizia Locale di Melito. Chi volesse aggiungersi al corteo potrà mettere il “partecipo” sull’evento Facebook crato dal N.O.T.A. 

 

LASCIA UN COMMENTO