Le Mauritius: un paradiso per gli umani ma un inferno per i cani

4464

Le Mauritius sono conosciute per essere una delle mete più ambite dai turisti di tutto il mondo, questa isola è un paradiso per le vacanze, si collezionano bei video, belle foto, ma purtroppo, c’è un lato oscuro e sconvolgente nascosto nel reality show della vacanza. I cani vengono siringati, abusati e uccisi come se fossero una piaga e tutto questa folle iniziativa è finanziata dal governo che crede  che i cani siano un deterrente e un grosso un fastidio per i turisti in vacanza alle Mauritius.

Il cane riposa tranquillo ma viene addescato dall'accalappiacani.
Il cane riposa tranquillo ma viene addescato dall’accalappiacani.

Le autorità delle Mauritius avevano sospeso questa terribile pratica quattro anni fa, ma i video mostrano che niente è mai cambiato, tutto è tornato come prima.

Gli operatori dei canili sono i fautori delle iniezioni letali ani cani praticate con una serie di miscugli che provocano una morte agonizzante. Ogni giorno a mezzogiorno  si possono udire terribili grida di dolore talmente forti da essere sentite anche fuori dalle mura del canile.

Per l’eutanasia vengono iniettati prodotti utilizzati per la pulizia e questo è un metodo atroce scelto per risparmiare denaro.

randagi-mauritius

I corpi dei cani vengono gettati nei rimorchi dei camion come spazzatura e una volta giunti a destinazione, vengono sepolti mentre sono  ancora vivi e coscienti, inondati dal dolore.

Il maltrattamento è emerso a seguito di un’indagine di IAR (International Animal Rescue) sul maltrattamento animale. IAR vuole promuovere una nuova politica che miri a porre fine a questa pratica orribile. Gli attivisti cercando di convincere il governo a praticare le sterilizzazioni nei cani nati in questa nazione insulare ma evidentemente costa meno uccidere i cani con metodi di fortuna.

Purtroppo come detto pocanzi, un video ha mostrato che l’intento di sterilizzare come promesso quattro anni fa, è svanito nel nulla e il governo ha messo da parte la pratica della sterilizzazione per tornare al crudele squadrone della morte.

I poveri cani innocenti, vengono catturati e portati in un presunto rifugio a Port Louis, capitale delle Mauritius, dove vengono poi uccisi. Un uomo si occupa di tenerli fermi, mentre un altro pratica l’iniezione letale. E poi è un inferno di urla, i cani che stanno  morendo guaiscono di dolore prima di morire mentre altri cercano di fuggire. Ciascun lavoratore guadagna un bonus come ricompensa per ogni cane vergognosamente ucciso.

Questo documento rappresenta una vergogna per il governo delle Mauritius, che quattro anni fa aveva promesso di mettere uno stop alle stragi di massa dei randagi e di mettere in atto un protocollo per le sterilizzazioni di massa. Il Direttore dell’organizzazione del benessere degli animali Sussex East ha detto:

“Chiunque con una traccia di umanità trova questo materiale insopportabile da vedere. E’ agghiacciante vedere con quanta insensibilità ed indifferenza gli assassini di cani colpiscano le loro vittime. Le Mauritius sono pubblicizzate come un’isola paradisiaca per i turisti internazionali, ma è un vero e proprio inferno in terra per i cani “.

Ti invitiamo a firmare la petizione per dire stop alla strage di cani alle Mauritius

Il video vuole essere una prova che avvalora l’articolo ma ti sconsigliamo vivamente di guardarlo:

 

LASCIA UN COMMENTO