La ricerca per curare l’Alzheimer con la sperimentazione animale ha fallito: i ricercatori lo ammettono

I ricercatori ammettono il fallimento del modello animale

327

Dopo una serie di fallimenti, gli sperimentatori si rendono finalmente conto che il modo in cui hanno cercato di trovare delle cure per combattere la malattia di Alzheimer non li ha portati da nessuna parte.
Maledizione,” – impreca PETA, – “abbiamo impiegato decenni di spreco di tempo e di denaro, abbiamo usato più di 100 droghe sulla pelle di un numero imprecisato di vite animali.”

Per anni, i ricercatori hanno tormentato topi, cani e altri animali, in uno sforzo per trovare farmaci per curare la malattia di Alzheimer. Il punto è che quegli animali non hanno l’Alzheimer. Così gli sperimentatori hanno manipolato il genoma di un animale per forzare l’accumulo di placche amiloidi simili a quelle dei cervelli delle persone con la malattia. Il risultato: gli animali sembrano avere sollievo dai sintomi di chi ha l’Alzheimer, anche se non ce l’hanno, in pratica si tratta di una pura illusione. Nel frattempo, i pazienti umani continuano a soffrire.

La percentuale di fallimento negli esseri umani per i nuovi farmaci testati contro l’Alzheimer è del 99,6 per cento. Il solanezumab di Eli Lilly è tra questi farmaci. Quel farmaco era stato testato con successo in topi e scimmie. Ma si è rivelato un fallimento abietto negli studi clinici. Il Daily Health sull’esito delle cure provate sui pazienti riporta gli esiti del fallimento:

I pazienti trattati con solanezumab, in aggiunta alla terapia standard non hanno ottenuto un rallentamento statisticamente significativo del declino delle capacità cognitive rispetto ai pazienti trattati con placebo ( p=.095),  in base alle misurazioni ottenute con la scala ADAS-Cog (subscala cognitiva dell’Alzheimer’s Disease Assessment Scale).
 
“I risultati dello studio clinico EXPEDITION 3 su solanezumab non sono quelli che avevamo sperato di ottenere e siamo rammaricati per i milioni di persone che attualmente sperano in una possibile terapia capace di modificare la malattia di Alzheimer”, – lo ha detto John C. Lechleiter, presidente, CEO e presidente del CdA di Lilly.
Ora gli sperimentatori ammettono di aver fatto dei progressi pari allo zero, ma non ammettono di aver perso il loro tempo a nascondere le loro teste nella sabbia per non rifiutare l’uso di “modelli” animali che non possono mai replicare forme umane di demenza.
Invece, dovrebbero adottare metodi di ricerca superiori e non animali che siano effettivamente rilevanti per la fisiologia umana. Chi ha sostenuto economicamente la ricerca che usa la sperimentazione animale sperando in un recupero della memoria per il proprio caro, ha buttato i soldi nella pattumiera e ha contribuito a far morire degli animali senza nessun risultato.

LEGGI ANCHE:  Hamburger del fast food: contiene di tutto ma solo l'8% di carne

 

LASCIA UN COMMENTO