La più grande colonia di pinguini reali del mondo è in calo del 90%

I ricercatori non avevano visitato l'isola remota da 30 anni quando c'erano ancora 500.000 coppie riproduttive. Le immagini satellitari ora indicano che sono rimaste solo 60.000 coppie.

67

Secondo un nuovo studio, dopo un trentennio fuori dagli occhi del pubblico, una gigantesca colonia di pinguini reali ha perso il 90% della popolazione.

La colonia di 500.000 coppie riproduttive , a lungo considerata la più grande di pinguini reali del mondo, viveva sull’Île aux Cochons (o, meno elegantemente , l’isola del maiale), un territorio francese nell’arcipelago di Crozet nell’Oceano Indiano meridionale tra il Sudafrica e l’Antartide .

Ma i pinguini non sono stati più censiti dal 1982, data in cui risale l’ultima visita dei ricercatori. Alla fine del 2016, i ricercatori hanno sorvolato la zona in elicottero e hanno visto che il numero di pinguini era notevolmente più inferiore del previsto.

Da allora, esaminando da vicino tre decenni di immagini satellitari, i ricercatori hanno concluso che sull’isola sono rimaste solo 60.000 coppie. “È stata davvero una brutta sorpresa per noi”, – ha detto Henri Weimerskirch, coautore del nuovo documento pubblicato su Antarctic Science e membro dei gruppi di ricerca dal 1982 al 2016. “È davvero molto deprimente”.

Il gruppo di ricerca sospetta che il cambiamento climatico potrebbe svolgere un ruolo fondamentale, un fattore che è stato riscontrato in altre colonie di pinguini in alcune parti dell’Antartide. Ma la competizione per l’usurpazione delle risorse, malattie e delocalizzazione, potrebbero aver contribuito alla perdite della popolazione.

I ricercatori hanno in programma di fare un conteggio sull’isola, ma non possono arrivare lì fino al tardo autunno del 2019, a causa dei costi legati al tipo di ricerca. Lo ha affermato il dott. Weimerskirch, direttore della ricerca del Centro per gli studi biologici di Chizé al Centro nazionale per la ricerca scientifica francese. “L’isola è una riserva protetta non facile da raggiungere, e gli animali non possono essere visti monitorandoli dall’acqua, perché la colonia si trova nell’entroterra,” – ha detto il ricercatore.

Il nuovo censimento riporta un calo significativo della popolazione mondiale di pinguini reali, stimata tra 1,5 e 1,7 milioni di coppie in tutto il mondo. Non erano mai stati considerati in pericolo di estinzione, ma ora potrebbero esserlo, -ha detto il dottor Weimerskirch.

I pinguini reali in ordine di grandezza seguono ai pinguini imperatori. Non nidificano, ma depongono un uovo e i genitori a turno incubano l’uovo con uno strato addominale chiamato cerotto per due mesi. I pinguini reali lasciano i loro piccoli e nuotano verso sud per cercare il pesce e il calamaro nelle acque del fronte polare antartico, dove l’acqua fredda e profonda si mescola a mari più temperati. Se non riescono a raggiungere questo fronte polare e non possono tornare indietro entro una settimana, i loro pulcini muoiono di fame.

Il problema sembra essere iniziato nel 1997, quando un evento meteorologico l’uragano El Niño ha innalzato considerevolmente le temperature per un anno, spingendo le loro fonti alimentari più a sud aumentando le distanze e i piccoli morivano prima che i loro genitori potessero tornare per nutrirli.

Tutte le colonie di pinguini reali nell’Oceano Indiano meridionale hanno sofferto quell’anno, ma i ricercatori hanno pensato che le popolazioni della vicina Possession Island, potessero estendersi anche nell’isola di Cochons, ha detto il dott. Weimerskirch ma purtroppo nulla di tutto ciò è accaduto.

Non è chiaro il motivo per cui la colonia non si è ripresa. Il dott. Weimerskirch ha detto che le possibilità includono qualche tipo di infezione o parassita che colpisce solo gli animali di quest’isola, o forse c’era tanta competizione per le risorse nella colonia che solo le creature più forti potevano sopravvivere.

“Alcuni degli animali potrebbero essersi trasferiti da Pig Island, che è circa 26 miglia quadrate (circa la dimensione di Manhattan), – ha detto il dottor Weimerskirch. La squadra ha individuato una piccola colonia su un’isola vicina che non esisteva negli anni ’80. Ma include solo poche decine di migliaia di accoppiamenti riproduttivi – “numero nemmeno lontanamente paragonabile a quanti ne sono stati persi – e il ricollocamento non è facile per i pinguini, che naturalmente ritornano dove sono nati.”

Emiliano Trucchi, biologo evoluzionista presso l’Università di Ferrara in Italia, che studia anche i pinguini reali nell’arcipelago di Crozet, si è detto sconvolto dal rapporto. “Dovranno spostarsi altrove o scomparire “,  – ha dichiarato Trucchi. “Le colonie più grandi si trovano su isole troppo lontane dalla fonte di cibo. Questo perché a differenza dei pinguini imperatore, i re non possono nidificare sul ghiaccio. Serve un’azione globale coordinata contro il riscaldamento globale. Il destino del pinguino re dovrebbe essere un avvertimento sul futuro dell’intero ambiente marino antartico e dell’intero pianeta.

Il lavoro che il Dr. Trucchi e i suoi colleghi hanno pubblicato all’inizio di quest’anno ha sollevato alcune questioni su come i pinguini reali dovrebbero affrontare il riscaldamento dei mari e i cambiamenti climatici. Con il suo studio predisse che i pinguini di Crozet avrebbero perso il loro habitat entro il 2100 e sarebbero stati costretti a trasferirsi o a morire.

Un problema locale come quello che sta accadendo a Pig Island potrebbe accelerare il loro declino. “Lo studio merita ulteriori indagini”,- ha detto. “È un processo molto particolare e dobbiamo capire come adattarlo al quadro generale.”

LASCIA UN COMMENTO