La deforestazione in Amazzonia è sempre più vasta: per gli esperti ormai è irrecuperabile

Il Presidente del Brasile Jair Bolsonaro sembra che incoraggi il disboscamento illegale in Brasile

407

La deforestazione dell’Amazzonia brasiliana è aumentata in modo esponenziale. Vengono tagliati l’equivalente di tre campi da calcio al minuto. Questo tragico dato è destinato a spingere la più grande foresta pluviale del mondo ad un punto di non ritorno oltre il quale non può più riprendersi.

Il forte aumento dei disboscamenti, secondo il The Guardian, conferma i timori che il Presidente Jair Bolsonaro abbia dato il via libera all’invasione, al disboscamento e agli incendi illegali a danno del più grande polmone verde della terra.

A luglio, il disboscamento ha raggiunto i 1.345 kmq di vegetazione, un terzo in più rispetto al precedente record mensile come riportano i dati forniti dal sistema di monitoraggio satellitare Deter B, iniziato nel 2015. In un mese il Brasile ha perso un’area di foresta più grande dell’intera Londra.

Gli scienziati avvertono che la foresta è in pericolo crescente 

“È molto importante continuare a ribadire queste preoccupazioni. Esistono numerosi punti di non ritorno non molto lontani “, – ha dichiarato Philip Fearnside, professore presso l’Istituto Nazionale di Ricerca Amazzonico del Brasile. “ Dobbiamo fare qualcosa immediatamente. Purtroppo non è quello che sta succedendo. Ci sono persone che negano che abbiamo anche un problema. “

E’ a rischio il blocco del più grande accordo commerciale del Brasile con l’Unione europea se i legislatori dell’UE decidessero che la nazione sudamericana non sta mantenendo l’impegno a rallentare la deforestazione in linea con l’accordo di Parigi sul clima.

I numeri ufficiali dell’Istituto Nazionale per la Ricerca Spaziale sono un ostacolo per Bolsonaro, che ha cercato di manometterli e ha criticato il capo dell’istituto.

Nei suoi primi sette mesi al potere, Bolsonaro, che è stato eletto con il forte sostegno del popolo degli agricoltori e da coloro che hanno interessi minerari, si è rapidamente mosso per mettere a tacere le agenzie governative responsabili della protezione delle foreste.

Ha indebolito l’agenzia per l’ambiente e l’ha effettivamente messa sotto la supervisione del ministero dell’agricoltura, che è guidato dal leader della lobby agricola. Il suo ministro degli Esteri ha respinto la scienza del clima e la considera parte di un complotto marxista globale. Il presidente e altri ministri hanno criticato l’Agenzia di Sorveglianza Forestale, Ibama, per aver inflitto multe ai criminali e ai disboscatori illegali. Il governo si è anche mosso per indebolire le protezioni per le riserve naturali, i territori indigeni e le zone di produzione sostenibile. 

Ciò ha incoraggiato coloro che vogliono invadere la foresta, ripulirla e rivendicarla a fini commerciali, con l’aspettativa speculativa che aumenterà di valore, ma anche per creare pascoli per il bestiame, campi di soia e miniere.

All’inizio di questo mese,  migliaia di minatori d’oro hanno invaso illegalmente il territorio indigeno Yanomami vicino al confine con il Venezuela. I taglialegna illegali hanno organizzato almeno due attacchi in risposta alle operazioni di contrasto di Ibama, secondo quanto riporta il quotidiano Folha. Il 4 luglio, secondo quanto riferito, hanno bruciato un camion a Espigão d’Oeste, nello stato di Rondônia e si la scorsa settimana hanno bruciato dei ponti a Placas, nello stato del Pará.

Invece di difendere i suoi funzionari, il ministro dell’Ambiente Ricardo Salles ha difeso i taglialegna abusivi, fatto che non fa ben sperare per la salvezza dell’Amazzonia. 

Durante un recente incontro del G20, Bolsonaro ha detto alla cancelliera tedesca Angela Merkel di non avere il diritto di criticare perché il record di conservazione del Brasile era superiore a quello dell’Europa. Tuttavia il Brasile sta procedendo in retromarcia. Dopo una riduzione dell’80% del tasso di deforestazione tra il 2006 e il 2012, i governi successivi hanno allentato le protezioni. L’anno scorso, la deforestazione è salita del 13% al livello più alto in un decennio. 

“Purtroppo è assurdo, ma non dovrebbe sorprendere nessuno. Il presidente Jair Bolsonaro e il ministro Ricardo Salles stanno smantellando le nostre politiche socio-ambientali “, -ha affermato Carlos Rittl, segretario esecutivo dell’Osservatorio sul clima , una ONG formata da una coalizione di gruppi ambientalisti.

Gli alberi sono considerati essenziali per la stabilità climatica. All’inizio di questo mese, uno studio ha indicato che piantare un trilione di alberi potrebbe rimuovere i due terzi di tutte le emissioni che sono state pompate nell’atmosfera dalle attività umane. Ma gli scienziati affermano che mantenere foreste esistenti, in particolare ai tropici, è molto più importante.

Le bonifiche forestali possono produrre guadagni a breve termine, ma a lungo termine possono solo portare disastri. Se rivendichiamo questo deserto tropicale come un polmone verde per il mondo, non possiamo aspettarci che il Brasile lo conservi da solo, anzi, lo sta distruggendo. C’è bisogno dell’intervento di tutti e subito. 

LASCIA UN COMMENTO