La Cina dei ricchi sta facendo sparire dai mari il pesce Napoleone per i loro banchetti

545

Il commercio del pesce Napoleone a 850 dollari al chilo è difficile da rintracciare

Il conto della cena per due ospiti nel ristorante Summer Palace, con una stella Michelin, all’Isola Shangri-La, è di 7.400 HK (US $ 940 pari a euro 828), eppure il verdetto dei commensali sulla bontà del pesce è stata ben al di sotto delle cinque stelle. “Non era niente di speciale” – ha commentato uno di loro dopo il pasto. 

Del tutto sottovalutati come piatto, il pesce servito in due dei principali ristoranti dell’hotel di Hong Kong è però tutt’altro che ordinario. I commensali – attivisti ambientalisti indipendenti che preferiscono rimanere anonimi – si nutrivano sotto copertura di pesce Napoleone, uno dei pesci della barriera corallina più minacciati al mondo.

Gigante gentile dell’Indo-Pacifico, il magnifico pesce è tra le più grandi specie di barriera del mondo, cresce fino 230 cm di lunghezza e vive fino a 30 anni. È uno dei preferiti dai sub per la sua vivacità di colori, per la forma curiosa e la gobba caratteristica sulla sua testa.
 

Tuttavia, è anche un favorito tra i commensali di Hong Kong e della Cina continentale, che sono disposti a sborsare anche fino a 6.500 dollari (7.500 euro) al chilo,  per il pesce  Napoleone pescato in Indonesia, l’unico esportatore legale della specie. Il pesce è anche originario delle acque delle Filippine e del Sabah, in Malesia.

Poiché il pesce Napoleone è raro e matura lentamente, il commercio dilagante per la gran parte riguarda pesci giovani. Catturati e allevati allo stato selvatico ma la pesca indiscriminata di queste creature sta mettendo in grave pericolo la vita della specie. Gli ambientalisti sono convinti del fatto che il governo dovrebbe deliberare una moratoria di divieto sulla sua vendita fino a quando il pesce Napoleone elencato sotto l’Appendice II della Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES), non sarà più considerato a rischio.

Il pesce Napoleone servito ad attivisti sotto copertura a T’ang Court. Foto: WildAid

Il pesce napoleonico è stato anche dal 2004 elencato in via di estinzione nell’elenco internazionale della lista rossa delle specie minacciate della Unione internazionale per la conservazione della natura. La scarsità di questo esemplare, tuttavia, secondo un’indagine condotta nel primo trimestre di quest’anno e condivisa con Post Magazine dai due attivisti e dall’organizzazione ambientalista WildAid, è servita solo ad affinare gli appetiti tra i ricchi amanti del pesce.

La stragrande maggioranza degli esemplari esportati dall’Indonesia sia legalmente che illegalmente, finiscono a Hong Kong e una percentuale significativa viene poi contrabbandata sul continente. Dei 50 hotel e ristoranti di Hong Kong contattati dagli attivisti, 31 dicono che con un preavviso di due o tre giorni, possono fornire un pesce di Napoleone catturato allo stato selvatico. Le esportazioni dall’Indonesia del pesce Napoleone catturate sono limitate a 2.000 l’anno, e le regole dell’Agricoltura, Pesca e Conservazione (AFCD) stabiliscono che qualsiasi ristorante che serve tali esemplari deve avere una licenza di possesso esposta.
 

Controlli inesistenti

 

Ma supervisione dei pescherecci di pesce vivo di Hong Kong da parte dei dipartimenti governativi, tra cui l’AFCD, la dogana e il dipartimento della marina, è “debole o assente”. La mancanza di supervisione ha anche implicazioni sulla salute umana, in quanto diversi pesci della barriera corallina, compreso il Napoleone, data la mancanza di etichettatura di rintracciabilità, possono essere tossici, causare vomito, diarrea, intorpidimento delle estremità, bocca e labbra, inversione di sensazioni calde e fredde, dolori muscolari e articolari.

“Il commercio illegale di prodotti ittici vivi non è preso seriamente come altri traffici in cui è coinvolto il contrabbando, come l’elettronica o le sigarette”, – ha detto Yvonne Sadovy, biologa marina dell’università di Hong Kong. “Per tenere sotto controllo il commercio di prodotti ittici è necessario il coinvolgimento di maggiori capacità investigative e un maggiore coinvolgimento sul campo. Questo commercio dovrebbe rientrare nell’ordinanza dei crimini organizzati e gravi. È profondamente deludente che un hotel di prima classe abbia un ristorante che vende specie in via di estinzione”. 

Pesce Napoleone dentro ad una vasca esposta fuori da un ristorante di Sai Kung

Alex Hofford, un attivista per la difesa della fauna selvatica con sede a Hong Kong per WildAid, afferma: “Ci sono persone senza fissa dimora che dormono per le strade di Sham Shui Po, mentre dall’altra parte del porto dello Shangri-La ci sono persone ricche che cenano con un pesce a rischio estinzione pagando 4000 dollari. Per me tutto questo è semplicemente disgustoso. “

Janice Lao, direttrice della responsabilità aziendale e della sostenibilità per gli hotel di Hong Kong e Shanghai, afferma che è estremamente difficile trovare legalmente il pesce Napoleone perché a Hong Kong i pesci importati sono spesso registrati presso il governo come specie diversa o non registrati affatto.

“Questo è ovviamente illegale. Pertanto, legalmente, non dovremmo avere mai accesso a questo pesce. “

La popolazione in declino del pesce Napoleone fa parte di una crisi più ampia che minaccia i pesci della barriera corallina. Secondo un rapporto congiunto pubblicato quest’anno da HKU, gruppo ADM Capital Foundation per il traffico di animali selvatici e il WWF, le importazioni di pesce vivo sono sottostimate del circa il 50% e i commercianti stanno sfruttando un vuoto creato da regolamenti inadeguati e obsoleti, scappatoie giuridiche e forze di polizia negligenti di Hong Kong.

LASCIA UN COMMENTO