ITALIANI IN VACANZA E CANI ABBANDONATI

98
Gli italiani in vacanza. I cani per strada. Nel mese di luglio (dato
compreso tra le ore 12 del 28 giugno e le ore 12 di oggi) sono giunte
1.705 segnalazioni di cani abbandonati con un aumento di 805
segnalazioni rispetto alle 900 del mese di luglio del 2013, mentre lo
scorso mese di giugno le segnalazioni di cani abbandonati e vaganti
sulle strade e nelle città italiane sono state 1.506. Anche a luglio il
primo posto spetta alla Puglia con 221 segnalazioni di cani vaganti
seguita dalla Sicilia con 206, dalla Campania con 201 e dalla Toscana
che con le sue 165 segnalazioni supera abbondantemente sia la Sardegna
con 134 segnalazioni, Lazio e Calabria con rispettivamente 108 e 105
segnalazioni. I numeri arrivano dall’Aidaa che aggiunge: «Guardando al
nord Italia rimangono alti i dati relativi a Piemonte con 67
segnalazioni, Emilia Romagna 65 segnalazioni e Veneto con 61
segnalazioni – si legge in una nota dell’associazione ambientalista – La
Lombardia si ferma a 34 segnalazioni (11 da Milano città), mentre si
conferma in salita anche la valle d’Aosta con 21 segnalazioni di cani
vaganti. Tra le province record negativo a Napoli e Roma con 45
segnalazioni ciascuna, seguono Lecce con 44 segnalazioni, Grosseto con
43 e Benevento con 39. Nelle regioni del centro nord spunta Ancona con
23 segnalazioni, seguono Torino 21 Alessandria 19, Parma e Reggio Emilia
con rispettivamente 18 e 14 segnalazioni, mentre nessuna segnalazione
da Trento, Bolzano, Aosta città e a sorpresa da Ravenna città».
«Dai dati in nostro possesso ci risultano maggiori abbandoni rispetto
agli anni passati soprattutto di cani durante questo primo mese estivo,
grazie alla negligenza di molti, ma anche alla congiuntura economica
negativa che fanno determinare molte famiglie ad una scelta terribile,
abbandonare i nostri amici a quattro zampe quando si programmano le
ferie estive». Questo il commento di Piergiorgio Benvenuti presidente
nazionale del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale.
«Noi intanto, come ormai da anni proseguiamo le nostre iniziative per
sensibilizzare i cittadini contro l’abbandono degli animali prima e nel
corso del periodo estivo – aggiunge – È un fenomeno quello
dell’abbandono dei nostri amici a quattro zampe che si diffonde
maggiormente all’inizio dell’estate, ma purtroppo è un fenomeno non
esclusivamente estivo, tanto che il nostro Paese si caratterizza per
circa 135 mila animali abbandonati ogni anno e lo facciamo con uno
slogan duro ma realista, che interpreta l’appello di un animale
domestico che parla al suo amico-uomo dicendo: «Non lo abbandoniamo! Non
facciamo le bestie». Un messaggio realizzato con un disegno prodotto da
un concorso fra bambini di una scuola elementare. Stiamo proseguendo la
nostra campagna di sensibilizzazione – continua Benvenuti – soprattutto
fra i giovani contro l’abbandono degli animali domestici, oltre a
richiedere adeguati spazi dedicati ai cani nelle città, nelle spiagge,
nelle località turistiche e adeguati spazi sui mezzi di trasporto
pubblici. L’abbandono di un animale domestico – conclude Benvenuti – è
un fatto traumatico per l’animale. Più dell’80% rischia di morire in
incidenti e di stenti per incapacità di trovare in modo autonomo del
cibo».

LASCIA UN COMMENTO