Home Notizie Indonesia, tigre di Sumatra finisce dentro ad una trappola e viene lasciata...

Indonesia, tigre di Sumatra finisce dentro ad una trappola e viene lasciata morire di dolore

Accanto alla trappola è stato trovato un maiale morto, usato come esca dai bracconieri.

Una tigre di Sumatra in pericolo di estinzione, è finita dentro ad una trappola in una piantagione di cellulosa di proprietà della ditta Asia Pulp and Paper, APP, uno dei maggiori produttori di carta al mondo dell’Indonesia. Secondo Greenpeace, la tigre è morta dopo giorni di agonia, lasciata senza cibo e acqua. Il luogo in cui è stata trovata la tigre,  ha registrato uno dei più alti numeri di incendi tra tutte le piantagioni indonesiane. 

Gli incendi vengono appiccati per favorire la rimozione su larga scala delle foreste così da agevolare la produzione del settore delle piantagioni Indonesia. Questa modalità ha distrutto l’habitat naturale delle tigri. In questo modo le tigri avanzano nel territorio, rimangono intrappolate in quel poco che resta della loro  foresta. 

Kiki Taufik, coordinatore della campagna sulle foreste indonesiane di Greenpeace nel sud-est asiatico ha detto – “La rapida deforestazione e la perdita di habitat nei paesi ricchi di biodiversità, spinge le specie selvatiche come le tigri, ad un contatto più stretto con gli umani e finiscono per essere uccise. Ora che la pandemia COVID-19 ha portato ancora più prove del fatto che i vari focolai di malattie hanno legami con la deforestazione, è fondamentale fermare la distruzione delle foreste per salvare il nostro clima, la nostra fauna, la nostra salute e il nostro futuro”.

Secondo il Riau Natural Resources Conservation Agency Center (BKSDA),  che ha praticato l’autopsia all’animale, l’esemplare maschio di tigre che si stima abbia avuto tra uno e due anni, è stato gravemente ferito nella gamba anteriore destra. Con tutta probabilità ha riportato un’infezione che ha provocato una setticemia. Vicino al laccio, è stata trovata una carcassa di maiale, ciò sta ad indicare che l’intenzione era proprio quella di braccare l’animale protetto e che la tigre sicuramente è stata presa di mira dai bracconieri. Nell’arco di un anno, almeno altre due tigri di Sumatra sono state uccise dai bracconieri con la tecnica della trappola. Per fortuna un’altra tigre è stata salvata in tempo ed è tornata in libertà dopo un periodo di cure mediche. In natura rimangono solo altri 600 esemplari di tigri del Bengala, quindi questo odio verso le tigri, le porterà alla loro scomparsa. 

Le ditte di piantagioni di olio di palma e di cellulosa, continuano a farsi spazio bruciando le foreste, unico habitat per le tigri, nonostante promettano di fermare la deforestazione. “Le poche roccaforti di tigre rimaste devono essere completamente fuori dai limiti del settore se vogliamo salvare le specie animali più iconiche dell’Indonesia “, -ha detto Taufik. 

Nel 2013 l’APP si è impegnata a porre fine al suo metodo di deforestazione e ha introdotto nuovi impegni di conservazione . Tuttavia, la recente analisi di Greenpeace, mostra che un’area più grande di Singapore è andata a fuoco per una concessione collegata al gruppo tra il 2015 e il 2018 . Il gruppo è ancora responsabile della distruzione di vaste aree di foreste e aree dove vivono tigri, elefanti e oranghi, nonché di numerose violazioni dei diritti umani a Sumatra. La scorsa settimana, oltre 90 ONG locali e internazionali, hanno invitato i partner commerciali di APP a sospendere gli accordi con la società fino a quando la stessa non avrà apportato “cambiamenti radicali” in tutte le sue attività.

Restano al mondo solo 600 esemplari di tigri di Sumatra

La tigre di Sumatra dal 2008 è stata elencata come in pericolo di estinzione nella Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) a causa del bracconaggio, perdita di habitat e per i conflitti  uomo-fauna selvatica. 

Ora più che mai il governo dell’Indonesia deve rafforzare le normative per proteggere foreste e paludi, mentre le aziende devono dimostrare che le loro catene di approvvigionamento siano corrette e che non vi sia più abbandono delle materie prime ad alto rischio nell’ambiente.

LASCIA UN COMMENTO