Il governo australiano ha ordinato l’uccisione di 2 milioni di gatti selvatici entro il 2020

Il governo australiano ha annunciato che ucciderà due milioni di gatti selvatici entro il 2020.

1367

Secondo il governo australiano, il motivo per cui i gatti selvatici devono essere abbattuti, è quello di preservare altre specie autoctone. 

La decisione è stata accolta con sdegno dalle organizzazioni per i diritti degli animali , tra le quali Fondation Brigitte Bardot fondata dalla star del cinema francese e amante degli animali Brigitte Bardot.  L’attrice ha etichettato il piano come disumano e ridicolo. La Bardot ha scritto una lettera aperta a Greg Hunt, il ministro federale dell’ambiente per per cercare di proteggere la fauna nativa australiana prima che sia troppo tardi.

Il commissario australiano, ha risposto difendendo la sua decisione: “Le nostre specie native non sono in grado di coesistere con i gatti selvatici; non si possono evolvere insieme a predatori come il gatto selvatico.”

Hunt ha etichettato i gatti selvatici come uno “tsunami di violenza e morte”, responsabili ogni giorno della morte di milioni di mammiferi e uccelli nativi del posto. Quasi 6 milioni di dollari saranno spesi per “umanamente” sparare, intrappolare e avvelenare i gatti selvatici, con l’obiettivo di uccidere due milioni di felini entro il 2020. Ma la Bardot ha criticato la decisione politica, scrivendo:

“Questo genocidio animale è inumano e ridicolo. Oltre ad essere crudele, uccidere questi gatti è assolutamente inutile poiché il resto di loro continuerà a riprodursi. Il vostro paese è macchiato dal sangue di milioni di animali innocenti, quindi per favore non aggiungete i gatti a questo pessimo curriculum.”

L’attrice ha detto che il governo dovrebbe invece considerare il metodo della sterilizzazione dei gatti, una metodo risolutivo. Della stessa opinione anche dal gruppo di difesa per i diritti animali Peta Australia, che ha definito il programma di abbattimento crudele e destinato a fallire.

Anche diversi ecologisti hanno sollevato dubbi sul piano affermando che i gatti selvatici possono essere spazzati via solo in piccole aree recintate e che dopo ogni abbattimento diffuso gli animali morti sarebbero semplicemente sostituiti da altri gatti.

La Bardot ha sempre difeso gli animali

La star ottantenne, poco tempo fa ha scritto al governo thailandese per chiedere la fine del commercio di carne di cane e ha criticato la Polonia per il trattamento delle oche nel paese. Scrisse anche una lettera aperta a Choupette, il gatto domestico di Karl Lagerfeld, noto stilista della maison Chanel. Nella missiva, la Bardot spingeva Choupette a informare il suo proprietario del crudele trattamento inferto agli animali usati nel commercio delle pellicce. Poco prima di morire, Lagerleld bandì l’uso delle pellicce dalla sua collezione di alta moda. 

La decisione di uccidere due milioni di gatti innocenti non si sposa bene con ciò che pensa la maggior parte della gente ma il governo rimane fermo nella sua posizione. Il destino di due milioni di gatti selvatici è segnato. 

 

LASCIA UN COMMENTO