Ha chiuso per sempre l’ultima fabbrica di pellicce di visone in Giappone

96

Nel 2014, a notte inoltrata e sotto il chiaro di luna, un visone bianco come il bagliore lunare, ha trovato un varco nella sua gabbia, ha quindi scavalcato la recinzione, ed è saltato nel campo aperto per correre verso la libertà.

Il visone faceva parte dei 2.500 visoni rinchiusi nell’allevamento di Otsuka e che produce pellicce a Niigata, l’ultima fabbrica di pellicce di visone in tutto il Giappone e che ha appena chiuso per sempre.

“E giunta in Giappone la fine degli allevamenti per la produzioni di pellicce di visoni. Per i visoni è  una fine definitiva, ora che la fabbrica di Niigata ha chiuso i battenti”, ha detto con soddisfazione il Fur Free Alliance (FFA), una coalizione internazionale di organizzazioni per la protezione di 40 animali che vengono uccisi per la produzione delle pellicce e che si battono per porre fine al commercio di pelliccia.

Il visone, del filmato fugge dall’allevamento, dove gli animali consumano la loro breve vita in in gabbie metalliche sporche. La fabbrica di pellicce di Otsuka stava violando la legge e stava operando senza licenza mettendo le specie autoctone in serio pericolo.

visoni-bianchi

“Negli ultimi anni l’allevamento di visoni della fattoria Otsuka è stato più volte segnalato da Animal Rights Center Giappone (ARCJ) per aver continuato l’attività pur senza licenza e violando la legge giapponese del 2006 che ritiene la specie di visone bianco, invasiva e quindi non consona ad essere allevata.”

“Ora l’azienda ha terminato la sua attività e il Giappone si unisce finalmente ad un crescente numero di paesi che stanno abbandonando la macabra pratica della produzione di animali da pelliccia” – ha detto il portavoce di FFA.

gruppo-di-visoni

L’industria della pelliccia in Giappone è diventata popolare in tutto il mondo dopo la fine della seconda guerra mondiale, secondo ARCJ. A quei tempi, quando il settore in Giappone era fiorente, si parlava di circa 4.000 allevamenti di animali. Un numero enorme.

LEGGI ANCHE:  U.S.A. vota a favore della caccia di intere famiglie di animali in tana: è un olocausto animale

visoni-in-gabbie-sporche

Grazie ad un netto calo della popolarità delle pellicce, l’industria ha vacillato. Dal 2006, quando l’allevamento di visone è diventato illegale in Giappone, la quantità di importazioni di pelliccia per il paese è sceso dell’ 80%.

Ma si potrebbe fare di più e meglio sottolinea l’ARCJ. Il Giappone importa ancora 1,67 milioni di pelli di animali da oltreoceano. “Non vogliamo che gli animali provenienti da qualsiasi paese debbano soffrire”, ha scritto l’organizzazione.

due-visoni-primo-piano

Purtroppo anche l’Italia rientra in questo triste elenco e chissà se mai si deciderò ad uscirne fuori.

 

LASCIA UN COMMENTO