Gli allevamenti del bestiame disboscano di più dell’olio di palma

76

La monocultura dell’olio di palma è stata a lungo il vero nemico del movimento ambientale e, in particolare, di coloro che si battono contro la deforestazione. Tuttavia, l’industria del bestiame è ancora più responsabile per la progressiva perdita delle aree forestali del pianeta.

allevamenti

Nel 2015 la fondazione inglese Global Cannopy Programme, ha lanciato il programma Forest 500, al fine di misurare i progressi di governi, aziende e istituzioni finanziarie nella lotta contro la deforestazione. Negli ultimi anni, in base a questo progetto, il 53% delle aziende che producono i derivati dal petrolio e prodotti con olio di palma hanno ridotto il loro impatto sulla deforestazione.

Al contrario, il 73% del settore bovino, non ha ancora messo in atto nessuna azione per arrestare la scomparsa delle foreste tropicali.

Le foreste coprono il 30% della superficie terrestre del nostro pianeta. Esse sono necessarie per assorbire le emissioni di gas serra, fornire acqua, come protezione contro le catastrofi naturali (inondazioni, desertificazioni) e per la conservare della biodiversità. Tuttavia, sono in costante calo. Secondo per la FAO, ogni due secondi , l’equivalente di un campo di calcio è perduto.

deforestazione
Ogni due secondi perdiamo un’area di bosco equivalente ad un campo di calcio.

L’allevamento di bestiame è ‘il settore che più distrugge il pianeta: è la tesi descritta nel documentario di successo prodotto da Leonardo Di Caprio The Cowspiracy.

Ogni cittadino statunitense mangia circa 117 kg di carne all’anno (la media mondiale è di circa 37). In Cina, il consumo pro capite è di 58,5 kg, con un totale annuo di 71 milioni di tonnellate, più del doppio degli Stati Uniti. In Italia, il consumo di carne è di 78 kg a testa.

L’impronta ecologica di una dieta a base di carne, si riscontra in molti fattori (produzione di gas serra, il consumo di acqua, consumo del suolo, inquinamento) e con risultati così gravi da far sembrare quasi indenne l’impatto di tutte le altre attività umane .

Nel 2006, l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite Organization (FAO) ha avvertito che i gas a effetto serra provenienti da bestiame sono più pericolosi di quelli del settore dei trasporti. Gli escrementi di animali rappresentano il 37% del emissioni globali di metano, un gas 70 volte più potente e dannoso dell’anidride carbonica e causa dell’effetto serra.

L’industria alimentare utilizza oggi circa il 40% di spazio disponibile sulla Terra. Nella foresta amazzonica, l’88% dei terreni disboscati è stato assegnato al pascolo

Nel 2011, L’Environmental Working Group ha messo in atto uno studio  per comprendere le emissioni dei gas provenienti dalla produzione di carne negli Stati Uniti. Dalla stalla, al trasporto, alla trasformazione, alla vendita, fino a quando si cucina per poi capire come avviene lo smaltimento dei rifiuti.

Così si scopre che un chilo di agnello comporta una produzione parallela di 39,2 kg di CO2 (l’equivalente di quasi 140 km in auto). Mentre  è di 13,5 kg, la quantità di CO2  che viene rilasciata  nell’ atmosfera per ogni chilogrammo di formaggio prodotto e meno di un chilo se si parla di lenticchie.

Per quanto riguarda il consumo di territorio, è opportuno prendere in considerazione non solo lo spazio occupato dalle aziende agricole e dai pascoli, ma anche dello spazio che occorre per le colture necessarie per alimentare gli animali (secondo la FAO, il 50% della produzione mondiale di cereali e il 90 % della soia sono destinate ad alimentare il bestiame), l’industria alimentare utilizza oggi circa il 40% dello spazio disponibile sulla Terra. Nella foresta amazzonica, l’88% dei terreni disboscati è stato assegnato al pascolo.

Lo stesso discorso vale anche per la quantità di acqua consumata e se mangiare un hamburger equivale a utilizzare l’acqua per due mesi di docce, possiamo benissimo dire che tutto questo danno non vale una bistecca!

 

LASCIA UN COMMENTO