Frosinone, non è stato il cinghiale ad uccidere un cacciatore ma 3 colpi di fucile

28

fucile posatoFrosinone- Quando è stato trovato il corpo senza vita di un cacciatore di 65 anni riverso a terra in campagna, tutti hanno pensato al cinghiale assassino. Ed invece non è andata proprio così! Sembrerebbe che a stroncare la vita del cacciatore 65enne L.B. queste le sue iniziali, di Ferentino, siano stati degli spari provenienti molto probabilmente dalla doppietta di un altro cacciatore.

Stante il quotidiano il Messaggero, l’ uomo è stato trovato ieri mattina in un lago di sangue sul prato, non lontano da casa. Si era pensato ad un cinghiale che dopo averlo caricato gli aveva azzannato la gamba provocandogli l’emorragia che poi lo ha ucciso.

Trasportato in obitorio a Frosinone, i medici gli hanno però trovato tre pallottole nella gamba che gli hanno reciso l’arteria femorale.
In quella zona si pratica la caccia al cinghiale ma non in questo periodo. Probabilmente chi ha sparato voleva colpire l’animale, ma trovatosi in situazione di reato è fuggito in fretta dalla scena senza prestare alcun soccorso al cacciatore.

LASCIA UN COMMENTO