Doppia multa al circo di Praga che paga e poi se ne va via da Falconara dopo un solo spettacolo

Il circo è arrivato a Falconara, ma dopo un salasso di sanzioni da pagare, è andato via il giorno dopo.

1141
Ippopotamo del circo di Praga, con aria triste all'interno della sua piccola area.

Ancona- Camion e camper, sono arrivati a Falconara la sera dell’Epifania e si sono attendati in un’area privata senza chiedere una regolare autorizzazione da parte del comune in barba al Sindaco Stefania Signorini che non ha gradito per nulla la scorrettezza. Beati e tranquilli, già di buon mattino il Circo di Praga ha iniziato a farsi notare in città con gran clamore e una pubblicità massiccia di cartelloni, volantini e megafoni. Ma ahinoi, anche questa azione era abusiva.

Dai controlli effettuati della Polizia Municipale è emerso infatti che non era stata fatta alcuna richiesta all’Ufficio Entrate, né pagata la relativa tassa per la pubblicità e così sono scattate le sanzioni. La prima per l’affissione di alcuni manifesti abusivi per un importo di 431 euro. Il circo di Praga ha dovuto inoltre far fronte ad una seconda ammenda per pubblicità fonica abusiva raddoppiando così la quota da pagare.

Lunedì sera sotto il tendone, c’è stato il primo ma anche l’ultimo spettacolo del circo a Falconara che già il giorno dopo vista l’aria di “maretta” e il portafoglio vuoto, il circo ha staccato i tendoni e se n’è andato via.

Sindaco di Falconara, Stefania Signorini

Il consiglio comunale di Falconara, nel maggio del 2017 ha votato all’unanimità un provvedimento specifico che vietava l’attendamento del circo in città ma in base al regolamento CITES  che legittima l’attività circense in base alle norme dello Stato italiano, per i Comuni non è facile impedire lo svolgimento poiché in contrasto con la legge.

Gli enti locali che lo hanno fatto, per esempio il Comune di Bologna, hanno visto le loro disposizioni restrittive bocciate dai Tribunali amministrativi delle rispettive regioni. Falconara ha atteso che il Governo desse attuazione alla riforma del codice degli spettacoli, annunciata nello stesso anno. Era infatti previsto un progressivo superamento dell’utilizzo degli animali per l’attività circense, ma i termini per l’approvazione della nuova normativa sono scaduti a fine dicembre per mancanza dei decreti attuativi che permettono alla legge di diventare operativa. Il Ministro delle attività culturali Alberto Bonisoli, dal canto suo, ha promesso che sarà questione di poco, già da questo mese il governo si metterà al lavoro per per la dismissione graduale degli animali nei circhi e negli altri spettacoli viaggianti e Falconara ma anche per gran parte dei comuni d’Italia, attendono fiduciosi che il cambiamento arrivi presto.

LASCIA UN COMMENTO