Centinaia i cani uccisi in Marocco per fare pulizia in previsione dei mondiali del 2026

I cani randagi sono stati radunati con metodi da esecuzione come nei campi di concentramento, dopo di che sono stati fucilati.

1081

E’ ciò che sta accadendo in Marocco prima della visita della FIFA per valutare l’idoneità del paese a ospitare la Coppa del Mondo.

Le immagini mostrano alcuni dei randagi accumulati dopo l’abbattimento nella località costiera di Tamraght, a nord di Agadir, e altre foto mostrano le strade sporche di sangue.

In un filmato si vede un cane che cade ferito a terra prima che il suo corpo senza vita venga trascinato via nel sobborgo di Aourir ad Agadir. Il video è stato pubblicato dalla ONG svizzera “Tierbotschafter” (“Animal Ambassadors”).

 
 

Il capo della Tierbotschafter Brigitte Post ha dichiarato: “Da quel giovedì notte della scorsa settimana, decine di cani notificati al nostro programma di sterilizzazione e vaccinazione sono stati feriti e poi portati via in un camion mentre erano ancora in vita”. Le strade sono state “ripulite” dalle autorità marocchine per fare una buona impressione alla delegazione in visita.

Post ha detto: “Ad Agadir, abbiamo sterilizzato oltre un migliaio di cani, vaccinati contro la rabbia, li abbiamo etichettati con un marchio auricolare e li abbiamo rimessi nel loro territorio”.

“L’uccisione di cani è inutile, non diminuisce il numero di cani randagi e di quelli infetti da rabbia”.

Un cittadino straniero che vive da molti anni nella zona di Agadir ha detto di essere stato testimone delle scene – “Mi sono svegliato al suono degli spari. Circa 30-40 uomini armati hanno iniziato a sparare ai cani nel centro della città, indipendentemente dal fatto che fossero etichettati con marchi auricolari perché già vaccinati. “

Secondo l’uomo, che desidera rimanere anonimo, chiunque abbia provato a fotografare o a fermare gli uomini armati è stato minacciato o arrestato. L’uomo ha detto – “Così non ci è rimasto altro da fare che organizzare un’operazione di salvataggio con la popolazione locale per accogliere quanti più cani possibili nelle case private”.

Un portavoce della FIFA ha affermato che l’organizzazione calcistica mondiale è in contatto con le autorità delle città marocchine e si aspetta che queste assicurino il benessere degli animali. Il portavoce ha dichiarato: -“Tuttavia, non possiamo commentare nulla perché il processo di candidatura per la Coppa del mondo 2026 è in corso e qualsiasi dichiarazione potrebbe influenzare le decisioni”.

Il Marocco ha un solo avversario nel tentativo di ospitare la Coppa del Mondo FIFA del 2026: un’offerta congiunta nordamericana proveniente da Canada, Stati Uniti e Messico.

La scorsa settimana, l’organizzazione calcistica sudamericana CONMEBOL ha dichiarato che voteranno tutti per l’offerta nordamericana. Chi ottiene la maggioranza dei voti dei membri della FIFA vince il diritto di organizzare il mondiale. Il 13 giugno 2018, il 69° Congresso FIFA di Mosca deciderà quale sia l’offerta vincente. Nel frattempo la strage di cani continua.

 
 
 

 

LASCIA UN COMMENTO