Cacciatori sardi chiedono la proroga per la caccia a tre specie di uccelli

Cacciatori sardi chiedono la proroga per la caccia a tre specie di uccelli alla Regione Sardegna ma nessuno gli risponde e si dicono preoccupati

1088

Sardegna – I cacciatori non ne hanno mai abbastanza e vogliono sparare di più per tanto in Sardegna l’associazione di Federcaccia, Unione Cacciatori Sardi e Caccia Pesca Ambiente, il 22 dicembre scorso, hanno presentato un’istanza alla Regione Sardegna per richiedere il posticipo della chiusura della caccia per le specie Beccaccia, Cesena e Tordo.

Le associazioni puntano sul fatto che altre Regioni hanno ottenuto la proroga che secondo il calendario non dovrebbe oltrepassare il 31 gennaio 2017 e anche loro vorrebbero fare uguale.

In realtà non vi è menzione di alcuna regione in merito a tale proroga, ad ogni modo, le associazioni si dicono preoccupate per la mancata risposta da parte della Regione come se succedesse un malanno in mancanza di spari. Insomma se non si uccide è pericoloso.

LEGGI ANCHE:  Cacciatore scambia una pietra per una lepre e gli rimbalza la pallottola nell'occhio

Forse si, c’è pericolo di non vedere più Beccaccia dato che è un indicatore di salute dell’ambiente e dovrebbe essere preservata, per non parlare della Cesena che è presente nell’arco alpino ma ormai sta diventando rara negli estremi orientali e occidentali. Non è più fortunato il tordo che viene colpito anche in fase di migrazione e ormai vederlo è una fortuna e di questo passo, chissà per quanto.

 

LASCIA UN COMMENTO