Brasile, famiglia catturava cani e gatti e poi li uccideva per vendere la carne al mercato: arrestati

La polizia brasiliana ha arrestato tre persone della stessa famiglia e ha trovato più di 50 animali, inclusi cani e gatti, nella residenza. Gli animali venivano macellati e la carne venduta in fiera.

926
I tre accusati di aver macellato cani e gatti

Tre membri della stessa famiglia sono stati arrestati il mese scorso, accusati di aver commercializzato carne di cane alla fiera Guarapari, nello Stato Espirito Santo, in Brasile. Secondo la polizia, nella residenza totalmente malsana, sono stati trovati più di 50 animali, tra cui 10 gatti, un pappagallo e i restanti cani. La polizia in un comunicato ufficiale, riferisce che i cani sono stati maltrattati, macellati e poi venduti. La famiglia è anche sospettata di aver prodotto delle salsicce con la carne degli animali morti.

Secondo il capo della polizia di Guarapari, Marcelo Santiago, i cani sono stati uccisi in casa e la loro carne è stata venduta a alla fiera mercato. Maurício Hott Peixoto, Ângela Débora Seraphin Lopes e Ana Carolina Seraphin Hott Peixoto, sono stati arrestati per abuso e maltrattamento di animali. L’operazione si è svolta congiuntamente con la polizia militare.

Il tenente Clicia e il delegato Marcelo Santiago della polizia civile di Gurapari.

Secondo il Tenente Clicia della polizia militare, nella residenza c’erano 52 animali, inclusi cani e gatti. L’arresto è arrivato dopo le denunce da parte di alcuni residenti. “I reclami ci sono stati segnalati nel 2015, ma non abbiamo potuto raccogliere prove. Ora abbiamo tutti gli elementi in mano che comprovano il reato”, – ha detto Clicia.

“I cani erano all’interno della residenza di famiglia. Parte di loro nella camera da letto della coppia, altri nel soggiorno e altri ancora divisi in stanze”.

Marcelo Santiago ha spiegato che qualcun altro sarebbe coinvolto nel crimine. “Questa famiglia teneva gli animali a casa, li uccideva, rimuoveva la carne e la vendeva a una terza persona che avrebbe venduto la carne alla fiera locale. Inoltre, abbiamo informazioni che oltre alla vendita, producevano anche salsicce di carne di cane e di gatto.”

Il tenente ha riferito che sul posto, il team ha trovato diverse ossa di animali che potrebbero appartenere ai cani e ai gatti morti. C’erano diversi sacchi di cibo tutti pieni di ossa”, – ha detto l’agente.

La famiglia è stata deferita alla stazione di polizia di Guarapari e poi portata al centro di detenzione provvisoria di Guarapari in attesa del processo per direttissima.

La scuse degli assassini

La famiglia ha detto alla polizia di aver salvato gli animali ed è per questo motivo che avevano così tanti cani e gatti in casa. “Non crediamo in questa versione. Abbiamo prove sufficienti per credere che si trattava di un vero crimine. Inoltre, gli animali non avevano cibo, né acqua. Le feci e l’urina erano sparse ovunque”.

La pena in Brasile per questi reati, è dai 2 a 4 anni di carcere e una multa di 200 a 400 giorni di stipendio per coloro che causano la morte di un animale. 

Alcuni dei cani sequestrati

LASCIA UN COMMENTO