Appello dell’oceanologo russo Jean-Michel Cousteau: aprite e liberate la prigione delle balene in Russia

Il famoso oceanologo Jean-Michel Cousteau ha chiesto alle autorità russe di rilasciare le orche e i beluga dalla "prigione delle balene" a Primorye.

1068

Russia – Lo scandalo attorno alla “prigione” per i mammiferi marini non si placa. Ricordiamo, non molto tempo fa, nella baia di Srednyaya, non lontano da Nakhodka, gli ambientalisti hanno scoperto tramite un drone, molte prigioni marine con balene pilota e beluga. Greenpeace ha detto che gli animali vengono rinchiusi in questi luoghi per essere preparati per la vendita illegale in Cina. Sono tenuti in condizioni insalubri: una sorta di piscine anguste e sporche. Come spiegano gli esperti del mare, gli animali selvaggi, presi dalla natura, non hanno praticamente nessuna immunità e, al di fuori dell’habitat naturale, i batteri sono mortali per loro.

Secondo i dati ufficiali, ora la prigione “base”, contiene 11 orche, 87 beluga, 6 trichechi, 9 foche barbute e 5 balene pilota.

L’ufficio del procuratore ambientale di Vladivostok ha riferito che le violazioni sono state riscontrate nelle azioni compiute dall’Agenzia federale per la pesca e dalle aziende private che hanno catturato gli animali. Il comitato investigativo ha aperto un fascicolo sul caso “Cattura di risorse biologiche acquatiche”. Secondo il Regno Unito, 11 orche sono dei cuccioli, 90 beluga non raggiungono l’età della pubertà e 13 di loro sono più giovani di un anno.

La baia è ghiacciata, la vita degli animali è in pericolo.

 Il tribunale ha imposto misure provvisorie per impedire che gli animali vengano portati al di fuori dalla baia. Inoltre è stata impedita la detenzione degli animali a tempo indeterminato. Gli esperti del Consiglio dei mammiferi marini ritengono che potrebbe essere possibile rilasciare le orche nella loro area vitale, in modo che possano connettersi con le loro famiglie. Ma recentemente si è saputo che tre beluga sono scomparsi, di loro non vi è traccia.

Il governatore di Primorye Oleg Kozhemyako, ha assicurato il Cremlino che la situazione con beluga e orche è sotto controllo. Tuttavia, nulla è cambiato. Secondo Greenpeace, balene beluga e orche sono ancora tenute nella “prigione”: recinti chiusi e sporchi. Ora i recinti sono coperti di ghiaccio e molti animali stanno congelando. La più grande paura per gli esperti è rivolta ad un cucciolo di balena di nome Cyril: è in bilico tra la vita e la morte.

Il beluga Cyril sta per morire
Jean-Michel Cousteau

La storia della “prigione delle balene” a Primorye ha attirato l’attenzione della comunità internazionale. L’attrice Pamela Anderson ha parlato in difesa delle orche e delle balene beluga per questo ha inviato una richiesta di assistenza per gli animali indirizzata al presidente russo. Qualche giorno fa, il figlio del famoso oceanografo Jacques-Yves Cousteau, Jean-Michel, ha seguito l’esempio della Anderson e insieme ai suoi colleghi, ha scritto una lettera indirizzata alle autorità russe chiedendo di liberare gli animali immediatamente.

Questi cetacei non sono adattati alle condizioni di prigionieri”. Ci opponiamo fermamente a qualsiasi tentativo di cattura per imprigionarli in totale schiavitù. Siamo lieti di offrire al governo russo e alla comunità scientifica russa la nostra esperienza e assistenza per restituire gli animali all’oceano “, -scrive nella lettera Cousteau insieme ai suoi colleghi.

L’ex ministro delle risorse naturali della Russia, ora diplomatico presidenziale nel distretto federale dell’Estremo Oriente, Yury Trutnev, intervenendo in una conferenza stampa ha risposto al suggerimento di Cousteau:

– Trutnev ha citato l’esempio degli Stati Uniti, che ha accusato per aver catturato e venduto balene beluga e orche in Cina. Ma questo non è vero: negli Stati Uniti e in altri paesi, vi è un divieto di cattura di mammiferi marini. Attualmente, nessuno eccetto la Russia cattura balene e beluga per metterle in vendita. “Sono sicuro di proteggere gli animali”, -ha detto Trutnev in una conferenza stampa. – Ho lavorato per 8 anni come ministro delle risorse naturali e dell’ecologia ma c’è una linea tra ecologia ed economia. E dobbiamo guardare agli interessi del paese “.

Un’orca rinchiusa nella prigione delle balene russa

Trutnev non nasconde i suoi interessi economici e parla chiaro “La domanda fondamentale è se questa cattura è corretta dal punto di vista della biodiversità naturale, o è sbagliata. La nostra intenzione non è uccidere, ma vendere. Se il numero degli esemplari è ridotto, non c’è nulla di cui parlare, saranno rilasciati immediatamente. Se gli scienziati ritengono che questo metodo non sia dannoso, allora perché gli americani dovrebbero vendere queste orche al mercato cinese e noi in Russia no? Perché non la Russia?” (intervento di Yuri Trutnev – VIDEO )

La pelle degli animali è deteriorata

Il 7 febbraio, il comitato investigativo della Russia per la tutela del territorio di Khabarovsk ha aperto un procedimento penale ai sensi dell’art. 245 del codice penale (trattamento crudele degli animali). “Sono in corso misure per riportare tutti i mammiferi marini nel loro habitat naturale”, – ha dichiarato il servizio stampa del comitato investigativo russo. Ma riusciranno a contrastare gli interessi economici di Yuri Trutnev prima che gli animali muoiano? Lo speriamo d’avvero ma i tempi sono stretti e le speranze sono sempre più vane…

LASCIA UN COMMENTO