Animal Equality lancia la campagna “salva un agnello 2017” con Tullio Solenghi

Parte la campagna #salvaunagnello di Animal Equality contro il consumo di carne di agnello. Testimonial d'eccezione Tullio Solenghi

280

Anche quest’anno Animal Equality Italia dà il via alla campagna #SalvaunAgnello che, come di consueto, invita a non consumare carne di agnello e di altri cuccioli in occasione della Pasqua. suggerendo allo stesso tempo di considerare un tipo di alimentazione cruelty-free anche per il resto dell’anno.

Testimonial d’eccezione ed eccezionale per il video ufficiale della campagna 2017 è l’attore Tullio Solenghi che negli ultimi anni è impegnato personalmente, insieme alla moglie Laura Fiandra, nel sostenere iniziative volte a diffondere abitudini di vita più compassionevoli. I sentiti ringraziamenti – prosegue la nota associazione – vanno soprattutto a lui che, nonostante i numerosi impegni, si è prestato con generosità e con la sua consueta simpatia alla realizzazione del video. 

La prima campagna di sensibilizzazione di Animal Equality su questo tema partì nel 2013 con lo slogan “Questa Pasqua Salva un Agnello“, accompagnato sui social dall’hashtag #Salvaunagnello, arrivando al quinto anno consecutivo per contrastare la terribile uccisione di agnelli e capretti che caratterizza purtroppo la festività religiosa della Pasqua. 

Negli ultimi anni, anche per rafforzare questa campagna e rendere più efficace la risposta dell’opinione pubblica, Animal Equality Italia ha reso noti i risultati sconvolgenti di diverse investigazioni svolte all’interno del mercato della carne di agnello, negli allevamenti e nei mattatoi, compreso il trasporto di milioni di cuccioli che si svolge in un lasso di tempo produttivo molto concentrato. Le immagini e i video arrivati attraverso i media nazionali – e internazionali – nelle case degli italiani, hanno mostrato agnelli strappati alle loro madri al momento della nascita, il loro trasporto che spesso dura migliaia di chilometri, i maltrattamenti subiti durante il tragitto e all’arrivo al mattatoio, la loro macellazione che troppo spesso avviene con gli animali ancora coscienti. 

LASCIA UN COMMENTO